Comunicato Stampa: La musica italiana a San Pietroburgo

Comunicato Stampa: La musica italiana a San Pietroburgo
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

LA MUSICA ITALIANA A SAN PIETROBURGO IN OCCASIONE DELLE MANIFESTAZIONI PER I TRECENTO ANNI DELLA CITTA'. Milano, 29 ottobre 2003. In occasione dei festeggiamenti organizzati per i 300 anni della nascita della citta' di San Pietroburgo, l'istituto per il Commercio Estero, con la Camera Nazionale della moda, in collaborazione con il Ministero delle attività produttive, ha organizzato una sfilata di moda "Made in Italy" che si terrà domani 30 ottobre a San Pietroburgo. L'iniziativa rientra nell'ambito di una serie di manifestazioni organizzate dall'Istituto per il Commercio Estero. Per tale occasione, FIMI ha realizzato “Italian Sound in St. Petersburg” un cd con 16 brani di alcuni dei più grandi artisti italiani, che verrà distribuito agli ospiti durante la serata che si terrà nella prestigiosa sede di Palazzo Konstantinovsky, residenza estiva del Presidente Putin. Sfileranno per la serata, alcuni dei marchi più prestigiosi della moda "Made in Italy" alla presenza di autorità, operatori del settore, stampa, televisioni, vip, e la musica italiana, sarà anch'essa protagonista con l'iniziativa "Italian Sound". L'attività dell'industria musicale italiana a San Pietroburgo rientra nell'ambito dell'accordo sottoscritto nel 2002 tra il Ministero delle Attività produttive e FIMI, finalizzato a massimizzare le sinergie tra le azioni nazionali, pubblica e privata, nel processo di internazionalizzazione del settore discografico, attraverso la realizzazione di attività articolate sul piano della promozione per dare una più ampia visibilità alla produzione italiana nei mercati di maggiore interesse, fornendo il necessario supporto alle imprese, sul piano della comunicazione e dei servizi e cooperando per favorire iniziative nei mercati esteri finalizzate al rafforzamento dei rapporti con la distribuzione locale. Adolfo Urso, Vice Ministro delle Attività Produttive con delega per il commercio estero, ha dichiarato: “La presenza contemporanea di moda e musica italiana in un'occasione così importante è il segnale della rinnovata capacità di fare sistema da parte di tutti i settori del made in Italy. La nostra industria musicale, al pari della moda, dell'arredo-design e dell'agroalimentare, è un importante veicolo di trasmissione nel mondo della nostra "arte del vivere" che tutti ci invidiano”. FIMI, Federazione industria musicale italiana, aderente a Confindustria rappresenta oggi oltre 80 imprese, tra le quali le maggiori aziende del settore e più di settanta etichette indipendenti per un totale di oltre 2300 marchi discografici.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.