Royalty digitali, 19 Recordings (American Idol) fa causa a Sony Music

Royalty digitali, 19 Recordings (American Idol) fa causa a Sony Music

Entra in azione l'artiglieria pesante, sul campo di battaglia che negli Stati Uniti vede fronteggiarsi ormai da qualche anno artisti, produttori e major discografiche sul tema delle royalty digitali (il fronte è stato aperto dai primi produttori di Eminem, F.T.B. Productions, che nell'ottobre del 2012 hanno però composto la vertenza con Universal trovando un accordo extragiudiziale).

Il nocciolo del problema riguarda il modo di considerare vendite e ricavi generati dalla musica digitale, che l'industria discografica continua a parificare ai Cd (riconoscendo agli artisti una royalty oscillante in media tra il 10 e il 15 %), mentre la controparte sostiene trattarsi di licenze ex novo che danno diritto a incassare il 50 % dei proventi. Da queste considerazioni nasce anche la richiesta di almeno 10 milioni di dollari che la 19 Recordings, titolare delle registrazioni degli artisti partecipanti al talent show American Idol (tra cui Clay Aiken, Carrie Underwood e Kelly Clarkson), pretende dal partner e distributore Sony Music a titolo di risarcimento danni. "Non volevamo sentirci obbligati a fare causa ma la Sony non ci ha lasciato alternative ed è diventato necessario proteggere i nostri artisti", ha spiegato all'Hollywood Reporter il responsabile musicale mondiale di 19 Entertainment Jason Morey. Il ricorso prende in esame piattaforme di download e servizi di streaming, e contesta in quest'ultimo caso la decisione della Sony di considerare lo sfruttamento digitale dei master musicali come "vendite" o "distribuzioni" piuttosto che come "radiodiffusioni" o "trasmissioni".

Le rivendicazioni della società fondata da Simon Fuller e ora controllata dal Core Media Group titolare del programma tv non finiscono lì, dal momento che 19 accusa Sony di avere dedotto in modo improprio dalle royalty pagate agli artisti le spese sostenute in pubblicità televisive per album come "My december" della Clarkson (nella foto) o per la produzione di video musicali, di avere calcolato in modo errato le royalty dovute sulle compilation e sugli album da oltre un milione di copie, di non avere dato conto degli incassi derivanti dalle sincronizzazioni musicali in film e programmi televisivi e di avere detratto in modo ingiustificato le tasse pagate all'estero.

Sony, al momento, non ha risposto pubblicamente alle accuse, ma il caso è destinato a creare un precedente importante anche per il giro d'affari coinvolto: da ricordare che 14 dei partecipanti ad American Idol hanno superato il milione di copie vendute, e che la sola Carrie Underwood ha venduto complessivamente con i suoi album quasi 15 milioni di copie.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.