Comunicato Stampa: Nuovo album per Massimo Priviero

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


Xym è lieta di presentarvi
MASSIMO PRIVIERO

Testimone
Il nuovo album

Se amate il rock appuntatevi il 31 Ottobre sul calendario. Se non lo amate sarà la data giusta per scoprirlo. Massimo Priviero e il suo Testimone entreranno nei negozi.
Vent'anni di musica suonata gli hanno permesso di trovare la formula, girare la chiave di volta per mettere in comunicazione il rock americano di Bob Dylan, Springsteen e Pearl Jam con la canzone d'autore italiana. Testimone è il risultato di quella formula, l'oro della chiave usata per aprire i cuori ed emozionarli.
Massimo Priviero ha firmato il suo ritorno con un album che assottiglia le distanze tra i sottogeneri del rock. Blues, ballad d'autore, cavalcate trascinanti, trottate introspettive che cavano il vero dall'anima, melodie serene che invece rilassano il cuore. Testimone è un mosaico, una lunga via pavimentata di sfumature cangianti. “E' un disco di chiaroscuri, forza da un lato e sonorità acustiche molto contaminate dall'altro, con per esempio l'uso di strumenti etnici uniti a chitarre ampiamente energetiche ... strumenti al servizio di rock e poesia, ma rimanendo fedele al concetto che una canzone importante si regge sulle sole chitarra e voce".

Testimone è sin dal titolo la presa di coscienza di esserci stato e continuare a esserci, di aver vissuto, provato e visto, di aver camminato a lungo e di essere ancora in grado di correre verso il sole, verso il Cielo Chiaro di cui parla la ballad aperta di metà disco.

Le liriche sono cariche di emozioni, tasselli di un'anima che si mostra senza veli, voli di una mente che ha trovato la sua strada, l'equilibrio nella sua musica. "Le canzoni sono dei viaggi, frutto dello scavo interiore di quest'ultimo periodo. Senza alcuna paura di piangere né di gridare. L'album vive di una tensione emozionale mai spezzata, sia per quanto concerne la ricerca sonora e la valorizzazione strumentale e vocale, sia nella" necessità" di lirismo e di poesia che lo accompagna dalle prime alle ultime note. Appaiono evidenti i capovolgimenti di stati d'animo, ma tanto le parti più energetiche ed aggressive quanto quelle più malinconiche e introspettive riescono a trovare un equilibrio davvero emozionante, a volte quasi magico, frutto di una lettura musicale ed esistenziale in netto chiaroscuro, estrema al limite dell'essenziale in alcuni momenti e contemporaneamente densa, quasi volutamente "epica" in altri”.


L'equilibrio tra la scarica rock andante di Fratellino e la suadente alba di nebbia pennellata dalla dolce Nikolajevka, tra il blues da bayou del delta del Mississippi di Agnus Dei e la sferzata lieve di Sei, tra ansia graffiante di Diluvio e la potenza addomesticata dalla voce di TerraSanta. Un caleidoscopio di umori musicali, una bobina di storie che la voce calda e illimitata di Massimo srotola di fronte al presente. “Un album di racconti, di desideri, di mondi che finiscono cercando nuove albe, di frammenti d'amore vissuto fino al fondo di un'anima, di spiritualità inseguita, di viaggi, di resistenza interiore, di forza, di storie cercate, inseguite, immaginate, "rubate" a un incontro, vissute, fondamentalmente soprattutto vissute”.
Lo sforzo di Massimo alla produzione artistica e agli arrangiamenti e stato supportato da alcuni collaboratori di alto spessore, tra i musicisti invece si scorrono i nomi Massimo Bubola e Lucio 'Violino' Fabbri che si sono prestati eccezionalmente a dare forma alle storie che il menestrello veneziano ha maturato.
Storie di cui Massimo racconta la trama da Testimone, che c'era ma non si erge a protagonista, che riporta senza enfasi con pulizia, onestà e ardore. La canzoni infatti sono ricche eppure scarnificati dell'inutile, essenziali e brucianti come un miccia che scoppia in cuore. E l'unico danno che provoca è l'emozione.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.