Brasile, proposta di legge per regolare l'industria dell'hip hop

Brasile, proposta di legge per regolare l'industria dell'hip hop

Quelli che vengono definiti tecnicamente regulated market, mercati controllati, riguardano solitamente asset nazionali che, per ragioni strategiche, vengono sotratti dallo stato al libero mercato per essere posti sotto un controllo governativo più o meno parziale: è successo, in passato, con le risorse energetiche, l'industria farmaceutica e le assicurazioni, e tra non molto, in Brasile, potrebbe succedere con la discografia rap.

Ad avanzare la proposta presso il parlamento carioca è stato Romário de Souza Faria, ex asso del pallone e campione del mondo con la selecao ai Mondiali americani del '94: oggi deputato in quota alla sinistra alla camera di Rio de Janeiro, il già calciatore ha presentato un disegno di legge che se approvato porrà sotto controllo statale l'attività di MC, beatmaker e Dj.

Come riferito da Spin, tutte le attività ascrivibili all'universo hip hop - compresa quella dei graffiti - saranno ufficialmente riconosciute dal governo (non è chiaro, al momento, se per mezzo di un albo professionale), per mezzo di certificazioni rilasciate da insegnati di canto riconosciuti o dopo aver provato l'esercizio della professione per almeno dodici mesi consecutivi. Una volta riconosciuti operatori dell'industria hip hop brasiliana, ci si potrà riferire ad una sorta di contratto nazionale della categoria, che prevede trenta ore lavorative a settimana (con straordinari pagati il doppio rispetto alla paga ordinaria).

I buoni propositi di Romario - che in un comunicato ha voluto spiegare di provare a "valorizzare i nostri giovani che vivono e respirano hip hop" - hanno sollevato, come era logico aspettarsi, non poche critiche: come riferisce il quotidiano Folha de S. Paulo su Facebook è già stato creato un gruppo - al quale hanno aderito circa 1800 persone - pronto ad opporsi alla proposta di legge.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.