The Soundreef Sessions: le radio in-store

Sono numerose le ricerche che, in Italia come in altri Paesi, dimostrano l'impatto comunicativo e psicologico della musica d'"ambiente" nei punti vendita, il suo influsso sui comportamenti di acquisto dei consumatori, la sua utilità nel motivare e intrattenere il personale, la sua efficacia nel trasmettere al cliente un'immagine precisa e univoca di un brand stimolando un processo di identificazione e di fedeltà alla marca.

Per questi motivi, nella scelta della musica da diffondere nei propri punti vendita, molte catene ed imprese della grande distribuzione organizzata ricorrono con sempre maggiore frequenza a professionisti del settore, affidando il proprio palinsesto musicale a radio in-store che organizzano messaggi pubblicitari e playlist personalizzate in funzione del profilo demografico e psicologico dell'utente tipo di riferimento.

Meno noto è il fatto che, in base ad alcuni di quegli studi, il cliente di un centro commerciale, di un negozio o di un ipermercato non richiede necessariamente di ascoltare le hit del momento o i classici che gli sono rimasti impressi nella memoria. Funzionano altrettanto bene, e secondo alcuni anche meglio, brani sconosciuti e che tuttavia trasmettono un senso di benessere, di piacevolezza e di sintonia con l'esperienza di acquisto che si sta compiendo. Lo sostiene, in particolare, una ricerca empirica condotta nel 2013 dal prof. Luca Petruzzellis dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro e dal professor Jean-Charles Chebat dell'Università HEC di Montreal che mettendo a confronto gli effetti della musica "familiare" e "non familiare" ha dimostrato come quest'ultima spinga la clientela a una permanenza maggiore nel punto vendita (quella conosciuta, al contrario, produrrebbe effetti di eccitazione, distrazione e di "distorsione percettiva" che inducono ad accorciare i tempi di permanenza).

Considerazioni di target, di obiettivi e - ovviamente - di costi spingono dunque un numero sempre maggiore di operatori commerciali a cercare strade e partner alternativi alle tradizionali società di collecting: Soundreef, società nata a Londra ma guidata da italiani, offre in questo ambito un servizio che vanta tra i propri clienti grandi marchi quali Auchan, Bennett, Leroy Merlin, Unes, Despar, Toys Center/Giochi e (in alcuni Paesi) Mc Donald's, i cui punti vendita in Italia e all'estero sono visitati ogni anno da 145 milioni di persone.

Ognuno di essi accede a contenuti selezionati da un catalogo di 150 mila brani regolarmente licenziati da artisti ed editori, scelti dai consulenti musicali della società in funzione di esigenze specifiche e diverse a seconda della merceologia trattata (food, abbigliamento o altro). Il vantaggio? ""Acquistare una licenza da noi", sostiene Soundreef, "è più economico che pagare SIAE e SCF (l'agenzia che incassa i diritti di diffusione della musica registrata per conto delle case discografiche e degli interpreti): si risparmia fino al 50 %".








    Sono numerose le ricerche che, in Italia come in altri Paesi, dimostrano l'impatto comunicativo e psicologico della musica d'"ambiente" nei punti vendita, il suo influsso sui comportamenti di acquisto dei consumatori, la sua utilità nel motivare e intrattenere il personale, la sua efficacia nel trasmettere al cliente un'immagine precisa e univoca di un brand stimolando un processo di identificazione e di fedeltà alla marca.

    Per questi motivi, nella scelta della musica da diffondere nei propri punti vendita, molte catene ed imprese della grande distribuzione organizzata ricorrono con sempre maggiore frequenza a professionisti del settore, affidando il proprio palinsesto musicale a radio in-store che organizzano messaggi pubblicitari e playlist personalizzate in funzione del profilo demografico e psicologico dell'utente tipo di riferimento.

    Meno noto è il fatto che, in base ad alcuni di quegli studi, il cliente di un centro commerciale, di un negozio o di un ipermercato non richiede necessariamente di ascoltare le hit del momento o i classici che gli sono rimasti impressi nella memoria. Funzionano altrettanto bene, e secondo alcuni anche meglio, brani sconosciuti e che tuttavia trasmettono un senso di benessere, di piacevolezza e di sintonia con l'esperienza di acquisto che si sta compiendo. Lo sostiene, in particolare, una ricerca empirica condotta nel 2013 dal prof. Luca Petruzzellis dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro e dal professor Jean-Charles Chebat dell'Università HEC di Montreal che mettendo a confronto gli effetti della musica "familiare" e "non familiare" ha dimostrato come quest'ultima spinga la clientela a una permanenza maggiore nel punto vendita (quella conosciuta, al contrario, produrrebbe effetti di eccitazione, distrazione e di "distorsione percettiva" che inducono ad accorciare i tempi di permanenza).

    Considerazioni di target, di obiettivi e - ovviamente - di costi spingono dunque un numero sempre maggiore di operatori commerciali a cercare strade e partner alternativi alle tradizionali società di collecting: Soundreef, società nata a Londra ma guidata da italiani, offre in questo ambito un servizio che vanta tra i propri clienti grandi marchi quali Auchan, Bennett, Leroy Merlin, Unes, Despar, Toys Center/Giochi e (in alcuni Paesi) Mc Donald's, i cui punti vendita in Italia e all'estero sono visitati ogni anno da 145 milioni di persone.

    Ognuno di essi accede a contenuti selezionati da un catalogo di 150 mila brani regolarmente licenziati da artisti ed editori, scelti dai consulenti musicali della società in funzione di esigenze specifiche e diverse a seconda della merceologia trattata (food, abbigliamento o altro). Il vantaggio? ""Acquistare una licenza da noi", sostiene Soundreef, "è più economico che pagare SIAE e SCF (l'agenzia che incassa i diritti di diffusione della musica registrata per conto delle case discografiche e degli interpreti): si risparmia fino al 50 %".








Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.