Pippo Pollina porta in tour i suoi 'Racconti brevi'

Lo scorso 17 settembre è uscito l'undicesimo disco di Pippo Pollina intitolato "Racconti brevi" (edito da Storie Di Note) e già distribuito sul mercato centro-europeo dalla scorsa primavera.

Da qualche giorno, inoltre, l'artista siciliano, residente da quasi un ventennio in Svizzera, è in tour acustico nei teatri e nei club italiani: "Il mio è uno spettacolo raccolto, intimo, che va al di là delle canzoni", spiega Pollina a Rockol, "dal vivo amo raccontarmi, parlare di me. Faccio concerti in Italia da pochi anni e così ho avuto l'idea di narrare il mio percorso. All'inizio avevo un po' di paura, invece il pubblico mi sta accogliendo con entusiasmo". Se a collaborare al disco è stato anche il Palermo Acoustic Quartet, sul palcoscenico Pollina sarà accompagnato solo da un fisarmonicista: "E' una scelta minimalista, per lasciare al centro dell'attenzione le storie, i racconti e le canzoni", spiega il cantautore. Dopo le undici date italiane, lo attendono sessanta tappe tra la Svizzera, l'Austria, l'Olanda e la Germania: luoghi in cui "il pubblico ha sempre mostrato attenzione al contenuto delle mie canzoni", dice Pollina, che non ha caso ha inserito nel booklet del suo disco i testi dei suoi brani tradotti in tedesco.


"Racconti brevi" si compone di dodici canzoni, tra le quali troviamo quattro omaggi: uno a Leo Ferré con la canzone "La memoria e il mare" ("a questa canzone sono molto legato per motivi personali"), uno al conterraneo Peppino Impastato nella canzone che mutua il titolo dal film "Centopassi" ("Giuseppe Impastato, nel contesto del movimento antimafia, è una figura di prim'ordine, perché non era uno della polizia o un magistrato, ma aveva assunto comunque un atteggiamento antagonista rispetto a Cosa Nostra, che purtroppo ancora influenza negativamente la nostra vita sociale"), uno a Umberto Nobile nel brano "La tenda rossa" ("anche questa è una storia d'Italia: Nobile fece una traversata col dirigibile Italia in direzione Polo Nord, ci fu un incidente e venne abbandonato al proprio destino dal Governo italiano. Fu messo in salvo da una nave russa e, dopo aver vissuto un'avventura straordinaria, ebbe il coraggio di tornare alla vita normale") e uno alla sua terra, la Sicilia, nel brano "Banneri" ("volevo cantare una canzone per la pace nella mia lingua, così ho immaginato la pace come una matrona che siede a capotavola").
Il disco si chiude con una versione orchestrale del canto tradizionale partigiano "Bella ciao": "Non volevo mettere questa canzone nel disco", conclude l'artista, "ma il direttore dell'International Symphony Orchestra di Kiev ne era talmente entusiasta che, chiusosi nella sua stanza, ne è uscito un quarto d'ora dopo con una partitura per settanta elementi. A quel punto non ho avuto scelta". Alla realizzazione del disco hanno contribuito anche validi musicisti, tra i quali il bassista Saturnino, il percussionista Hossam Ramzy e il chitarrista Robbie McIntosh. L'album è stato registrato a Londra presso gli Spheres Studios.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.