Fusione EMI-Warner: tutto pronto tra due settimane?

Fusione EMI-Warner: tutto pronto tra due settimane?
Due settimane soltanto e il progetto di fusione EMI-Warner, architettato dai rispettivi “boss” Eric Nicoli e Dick Parsons, potrebbe essere pronto da scodellare in mano alle autorità antitrust in agguato da una parte e l'altra dell'Oceano. Lo sostengono, secondo quanto riportano i giornali americani, “insider” ben introdotti nelle due major discografiche, che danno per imminente la messa a punto degli ultimi dettagli dell'operazione.
EMI e Warner avevano già cercato di fondersi nel 2000, ma allora vennero bloccate nei loro propositi dalla Comunità Europea, preoccupata di evitare la formazione di posizioni dominanti. Ora le condizioni di forte crisi in cui versa l'industria discografica fanno supporre un atteggiamento più benevolo da parte dei “controllori” del mercato e dunque la possibilità di strappare un nulla osta ad un affare che prevede il trasferimento del 75 % di Warner Music ad EMI in cambio di azioni e di un miliardo di dollari in contanti (vedi News).
Se così fosse, nessuna delle quattro major rimanenti sul mercato sarebbe di proprietà americana (EMI è inglese, BMG tedesca, Sony giapponese e Universal risponde a padroni francesi), e Time Warner diventerebbe la prima media company multinazionale a disinvestire nel settore musicale.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.