UK, il Fisco avverte le case discografiche: 'Dovete pagare gli stagisti'

UK, il Fisco avverte le case discografiche: 'Dovete pagare gli stagisti'

Trentacinque case discografiche inglesi, tra cui la Syco di Simon Cowell, sono finite nel mirino del Fisco britannico. Come riporta il Daily Mail, l'HM Revenue and Customs (organo corrispondente alla nostra Agenzia delle Entrate) avrebbe verificato anomalie nel loro sistema retributivo, dal momento che gli stagisti impiegati al loro interno non verrebbero pagati pur lavorando a tempo pieno. La legge inglese stabilisce invece che un'azienda debba corrispondere a tutti i membri del personale almeno il salario minimo nazionale, nel caso in cui essi svolgano una mansione che altrimenti verrebbe esercitata da un dipendente regolarmente assunto.

Il sito dell'HMRC aggiunge che un lavoratore è ritenuto tale se è titolare di un contratto (anche non scritto) p di un altra forma di accordo che lo impegna personalmente a prestare un lavoro o un servizio in cambio di un compenso, si tratti di denaro o di altre forme di "benefit", durante le normali ore lavorative della settimana.

A partire dalo scorso anno, ricorda il settimanale Music Week, il governo inglese ha lanciato una campagna informativa con il duplice obiettivo di informare i giovani in cerca di lavoro dei loro diritti e di interrompere le pratiche di sfruttamento nei loro riguardi.

Con le notifiche appena trasmesse alle case discografiche, ha spiegato l'assistente direttore dell'HMRC Michelle Wyer, "abbiamo voluto far sapere all'industria musicale che la stiamo tenendo d'occhio".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.