@live, la guida ai concerti della settimana: Funeral Suits, Loscil, Bombino...

Proseguiamo le celebrazioni dei cinquant’anni dallo sbarco dei Beatles negli Stati Uniti, ricordando che oggi, appunto cinquant’anni fa, i Fab Four si esibivano per la prima volta dal vivo davanti al pubblico americano, assiepato al Washington Coliseum di Washington DC (trovate la nostra cronaca della giornata qui): ottomila persone letteralmente indiavolate, tenute sotto controllo dalla bellezza di circa trecentosessanta poliziotti. La scaletta? Non pensate chissà cosa; “solo” dodici pezzi: “Roll over Beethoven”, “From me to you”, “I saw her standing there”, “This boy”, “All my loving”, “I wanna be your man”, “Please please me”, “Till there was you”, “She loves you”, “I want to hold your hand”, “Twist and shout”, e, in chiusura, “Long tall Sally”. Un live indimenticabile. Quale modo migliore di festeggiare questa ricorrenza se non con un bel concerto?

Caricamento video in corso Link


Questa settimana, visto che quattro dei cinque nomi che vi proponiamo sono in tour con più di una data prevista nel nostro paese, procederemo per “band” e non per “giornata”. Iniziamo dunque con i Funeral Suits: i ragazzi irlandesi hanno fissato tre tappe italiane per dare voce al loro brit rock, un po’ pop, un po’ (più) post. Il loro esordio risale al 2012 con il buon “Lily and the valley”, un lavoro che ha le carte in regola per funzionare altrettanto bene dal vivo. Se la cosa vi attira, fatevi trovare questa sera al Rocket di Milano (nella nuova, bella sede in zona navigli: si parcheggia tranquillamente di fronte all’ingresso, che visto il meteo è una gran cosa), domani al Circolo degli Artisti di Roma oppure giovedì al George Best Music & Football di Napoli.
Restando in Irlanda e in ambiente indie rock (più post punk in questo caso), i Girls Names hanno ben pensato di programmare addirittura un poker di date. Del resto il loro “The new life” è uscito giusto da un annetto e dalle nostre parti non aveva ancora fatto tappa. Problema risolto: questa sera li trovate al Garage 1517 di Genova, domani all’Off di Modena, Giovedì al Sidro di Savignano sul Rubicone (Fo), e venerdì al Macao di Milano.



Il terzo nome in calendario è quello di Loscil. Loscil è un act ambient che all’anagrafe risponde al nome di Scott Morgan. Noto per essere anche il batterista dei Destroyer (!), Morgan si è fatto un'ottima reputazione nel giro sperimentale a colpi di album, sei per la precisione, molto affascinanti. Dentro ci trovate un po’ di tutto: influenze kraut che vanno a impastarsi con pattern elettronici. Sferzate minimali dal sapore cinematografico trasmesse il loop perpetui. Droni lontani che richiamano paesaggi traslucidi. Ecco, Loscil è tutto questo e forse qualcosina di più. Vedere per credere: questa sera alla Caveargento di Perugia, domani al Freakout di Bologna, giovedì al Blah Blah di Torino.



Gli ultimi due nomi in lista sono probabilmente i più noti del lotto. Di Bombino, il nostro chitarrista Tuareg preferito, abbiamo già ampiamente parlato le scorse settimane. Fortunatamente ci sta dando l’occasione di farlo sempre più spesso, e, vista la qualità del soggetto, non vediamo proprio il motivo per non coglierla. Ergo, se ve lo siete persi o non avete avuto occasione di farvi trovare sotto palco al suo ultimo passaggio, sappiate che domani sera potrete rimediare al Teatro Miela di Trieste, giovedì al Locomotiv di Bologna, venerdì al Sonar live di Colle Val d’Elsa e sabato all’Hiroshima Mon Amour di Torino.
Di tutt’altra pasta sono, invece, i Bullet For My Valentine. I ragazzi gallesi fanno screamo hardcore (emo/melodico… non sono così truci come sembra, anzi) e piacciono in particolare ai più giovani (appunto). Il loro ultimo lavoro in studio s’intitola “Temper temper” e risale allo scorso anno. Hanno un bel seguito e dal vivo sanno come si mette in piedi un bello spettacolo. Certo, vi devono piacere, ma non si sa mai. Giovedì sera all’Alcatraz di Milano.

Bene, come di consueto, prima di chiudere permetteteci di fare gli auguri di buon compleanno al festeggiato del giorno. Oggi tocca a Mike Shinoda dei Linkin Park, arrivato al traguardo dei trentasette. Per quanto riguarda noi, invece, il prossimo appuntamento è fissato per martedì con una nuova selezione speciale firmata @Live. Se però nel frattempo non riusciste a sopportare l’attesa, su Rockol potete trovare news, photo gallery, ancora concert e recensioni: il tutto a portata di click.

Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.