In streaming su Rockol una retrospettiva dei video vincitori del 'Premio Videoclip Italiano'

Da qualche giorno, cliccando sul banner di Rockol che promuove la quarta edizione del “Premio Videoclip Indipendente” (o andando all'indirizzo web http://www.rockol.it/pvi/default2.htm), si può accedere ad una retrospettiva dei video vincitori della manifestazione nata nel 1999 con lo scopo di valorizzare i migliori cortometraggi musicali.
Oltre ad essere informati su quali videoclip sono stati premiati negli anni passati, i lettori hanno la possibilità di rivedere in streaming alcune di queste opere.
Tra i clip vincitori delle passate edizioni troviamo quello realizzato da Licio Esposito per il video di “Testa di cane” del trio romano free-jazz Zu, premiato nel 2000 per il miglior soggetto. Dello stesso è presente anche “Simplemente asì” di Painé: un serrato avvicendarsi di immagini urbane che fanno da sfondo alla musica del DJ argentino (premio a Cristiana Donghi per il miglior montaggio). Le tre rocker romane Motorama sono il soggetto principale del sanguinolento video di “King cobra”, la cui fotografia, curata da Cosimo Alemà, è stata giudicata la migliore dalla giuria della manifestazione.
Anna de Marincor venne premiata con il riconoscimento per la migliore regia per il video “Club privé” dei Massimo Volume: uno degli ultimi lavori del gruppo di Emidio Clementi prima dello scioglimento avvenuto nel 2002. Miglior video del 2000 venne giudicato quello di “Le foto dello scandalo” degli emiliani Complesso Residenziale. Il cortometraggio, girato dal regista Daniele Lunghini, racconta una breve crime-story per mezzo di un lungo piano-sequenza in bianco e nero realizzato in computer grafica.
Tra i video premiati nel 2001 troviamo “Cammina cammina” dei veneti Fahrenheit 451 (miglior soggetto): un cortometraggio realizzato con la tecnica dello stop-motion che narra le vicende di un piccolo robot alieno. Nello stesso anno Diego Angeli venne premiato per il miglior montaggio del videoclip “Versus” dei Volwo, mentre “Meganoidi” dei liguri Meganoidi si aggiudicò il riconoscimento per la migliore fotografia.
Tra i video premiati nel 2002 troviamo “Il canto di Ariel” dei Nous: progetto creato da Meg e Marco dei 99 Posse per musicare una versione de “La tempesta” di Shakespeare. L'avveneristico viaggio spaziale raccontato dal video di “Umanoide” dei Punto G Blu realizzato da Gigi Tufano venne premiato con il riconoscimento per la migliore fotografia, mentre la tetra animazione creata dal regista Alessandro Rack per il video di “Kanzone su Londra” dei 24 Grana ricevette il premio per il miglior montaggio. Miglior video in assoluto del 2002 venne giudicato “Il ragazzo che distrusse l'universo” dei Cahiers Du Mexique: un breve racconto storico-fantastico realizzato da Gionata Zanetta ed Elia Buletti. Nello stesso anno vennero consegnati due premi speciali: quello della giuria a “Robot zero” dei toscani Ether e una menzione speciale per “L'incontinente” dei Mama Energy.
Ricordiamo che il bando di concorso per iscriversi al “Premio Videoclip Italiano” scade il prossimo 20 ottobre.
La cerimonia di premiazione si svolgerà presso il Centro Fieristico di Faenza il 30 novembre 2003 alle ore 15, nell'ambito del Meeting delle Etichette Indipendenti.
Dall'archivio di Rockol - Album italiani: le copertine più belle di sempre
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.