SunnComm ci ripensa: nessuna causa contro l'hacker di Princeton

Non finirà in tribunale John Halderman, lo studente dell'Università di Princeton che è riuscito ad eludere i codici di protezione di alcuni CD (come quelli della BMG) semplicemente tenendo premuto il tasto dello “shift” (maiuscole), pubblicizzando in seguito la sua scoperta. Invitato a desistere da migliaia di e-mail ricevute alla sua postazione di lavoro, Peter Jacobs, presidente della SunnComm (la società tecnologica che aveva sviluppato il software) ha deciso di soprassedere.
Dopo che la notizia della beffa era stata diffusa dai giornali, le azioni dell'azienda erano crollate, facendo perdere alla SunnComm 10 milioni di dollari in Borsa. Di qui la minaccia di un'azione legale nei confronti di Halderman, ora rientrata.
Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.