Costi ancora troppo alti, si allarga il deficit della Web radio Pandora

Internet radio e audio streaming crescono tumultuosamente in tutto il mondo (Italia compresa, come dimostrano i dati FIMI/Deloitte appena pubblicati), ma i conti non tornano ancora. Né per le case discografiche né per le stesse piattaforme, a cominciare dal pioniere Pandora che, a dispetto di una crescita del 56 % registrata nei ricavi 2013 pari a quasi 638 milioni di dollari, ha visto allargarsi nei dodici mesi anche il suo deficit passato da 35,6 a 40,7 milioni di dollari a causa di un aumento dei costi di esercizio. Nel 2013 Pandora ha versato 342,9 milioni di dollari sotto forma di royalty alle case discografiche, circa il 53,8 % del suo giro d'affari: migliorando comunque la proporzione rispetto all'anno precedente, quando il peso delle licenze musicali aveva inciso per il 60,6 % sul fatturato.

L'ultimo trimestre ha mostrato risultati che il direttore finanziario Mike Herring ha ritenuto soddisfacenti (+ 52 % in termini di ricavi, e 8,98 milioni di dollari di profitto); intanto, nel primo mese del 2014 la società di Oakland, California, ha registrato un aumento del 13 % nelle ore di ascolto (1,58 miliardi, 1,39 milioni in più dello stesso periodo dell'anno precedente), incrementando la sua quota di mercato radiofonico negli Stati Uniti dal 7,68 all'8,57 %. Gli utenti "attivi" sono cresciuti nello stesso periodo del 12 %, raggiungendo il numero di 73,4 milioni.

La Borsa ha reagito negativamente a queste cifre, considerate inferiori alle aspettative, e subito dopo la pubblicazione del report le azioni di Pandora hanno perso circa l'8 % del loro valore.

Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.