Sondaggio sulla musica on-line: è Napster il rivale più pericoloso di Apple

Segnali contrastanti, ancora una volta, per chi “vede” un futuro prospero per la musica digitale legalizzata. I giornali americani hanno riportato notizia, negli ultimi giorni, dell'ennesima beffa perpetrata dagli hackers ai danni dell'industria discografica e dei sistemi anti-copia incorporati nei software dei CD. Un neolaureato americano ha infatti scoperto che per eludere il programma di protezione elaborato dalla società SunnComm per i CD della BMG basta compiere un gesto elementare: tenere premuto il tasto di scorrimento mentre si inserisce il dischetto sul vassoio del CD-ROM incorporato nel computer. Compiuta la semplice operazione, i “lucchetti” si sbloccano e il disco può essere tranquillamente masterizzato.
Attacchi “pirateschi” a parte, il mondo della musica on-line è comunque in gran fermento. La Apple ha già iniziato a pubblicizzare il suo ormai celebre iTunes Music Store come opzione di downloading a pagamento disponibile tanto in versione Mac che per PC: già la settimana prossima dovrebbero essere svelati i particolari del lancio del negozio virtuale per sistema operativo Windows (vedi News). Intanto il test di debutto di Napster 2.0 (vedi News) sta suscitando interesse e curiosità. Pare che, a dispetto delle previsioni di parecchi esperti, il marchio del “gatto” abbia conservato buona parte del suo appeal per il pubblico dei consumatori on-line, anche se il vecchio concetto “anarchico” dello scambio gratuito di file è stato sostituito da un più convenzionale modulo di fruizione a pagamento: i partecipanti ad un sondaggio condotto in rete dal sito CNET attribuiscono proprio a Napster le maggiori probabilità di rubare fette di mercato alla Apple, in questo momento leader del settore.
La nuova versione del servizio creato da Shawn Fanning si rivolge anch'essa agli utenti Windows e applica le tariffe ormai consuete di 99 centesimi e di 9,99 dollari, rispettivamente, per scaricare ed eventualmente duplicare un singolo brano o un intero album (offrendo in aggiunta l'opzione di accesso illimitato in cambio di un canone di abbonamento). Il suo catalogo, oltre ai successi del momento e a materiale storico, contiene però numerose registrazioni live esclusive.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Enzo Mazza (FIMI)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.