Il rap entra nella storia delle classifiche di Billboard

Il rap entra nella storia delle classifiche di Billboard
Per la prima volta nella storia di Billboard, la top ten dei singoli più venduti in America è tutta dominata da rapper. Un risultato, questo, che conferma l'ottimo stato di salute del genere e la sempre maggiore propensione dei consumatori verso l'acquisto di musica hip hop. A parte la prima posizione, occupata dalla canzone r&b/ragga di Beyoncè featuring Sean Paul, “Baby boy”, gli altri nove posti sono tutti definibili come appartenenti alla musica hip hop: “Shake ya tailfeather” di Nelly, P. Diddy & Murphy Lee al numero 2; “Get low” di Lil Jon & The East Side Boyz featuring Ying Yang Twins al terzo; quarto posto per “Right Thurr” di Chingy; Pharrell featuring Jay-Z con “Frontin” al numero 5; YoungBloodZ featuring Lil Jon con “Damn” al sesto; 50 Cent con “P.I.M.P.” al settimo, “Into You” di Fabolous featuring Tamia all'ottavo, “Stand up” di Ludacris featuring Shawnna al nono e "Where is the love?” dei Black Eyed Peas al decimo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.