Radio, classifiche 'indie' a confronto

Radio, classifiche 'indie' a confronto

Elisa (etichetta Sugar), Klingande (etichetta Ego), Ozark Henry (etichetta X-Energy): sono stati loro i protagonisti indiscussi delle chart radiofoniche indipendenti durante il mese di gennaio 2014. Invertendo i fattori - o meglio le fonti di rilevazione, EarOne o RadioAirplay - il prodotto sostanzialmente non cambia. Anche se, come Rockol ha già avuto modo di riferire, panel e metodi di rilevazione delle due società che in Italia hanno preso il posto lasciato vacante da Music Control/Nielsen Music sono differenti (coincide, invece, la scelta di considerare indipendenti anche le etichette distribuite da major). La classifica "indie" di RadioAirplay, pubblicata a partire dal maggio 2013, è costruita sulla base del numero di passaggi monitorati settimanalmente su 195 emittenti italiane. Quella realizzata da EarOne per conto dell'associazione Produttori Musicali Indipendenti (PMI) e attiva da fine dicembre, invece, resta fedele al criterio dei punteggi, ottenuti ponderando ogni passaggio con il dato di audience per fascia oraria e per giorno assegnato, sulla base di un'indagine aggiornata al giugno 2013, a ognuna delle emittenti comprese nel panel (102 emittenti, tra network nazionali - 14 - e radio locali o regionali).

In quest'ultima chart le quattro settimane che iniziano a partire dal 3 gennaio vedono "Ecco che" di Elisa aggiudicarsi la prima posizione tre volte, scavalcata da "Jubel" dei Klingande solo nell'ultima, quella compresa tra il 24 e il 30 gennaio. Il duo elettro-pop-jazz francese, dopo due settimane trascorse al numero 3, sale al secondo posto nel terzo periodo di rilevazione prima di conquistare la vetta; intanto "I'm your sacrifice" del "David Bowie belga" Ozark Henry scende dal secondo posto delle prime due settimane dell'anno al terzo delle ultime due. Non troppo diverso l'andamento delle classifiche di RadioAirplay, se non per il fatto che "Jubel"(terzo e poi secondo) agguanta il primo posto con una settimana di anticipo scalzando la solita "Ecco che", in cima dal 3 al 9 gennaio e dal 10 al 16; "I'm your sacrifice", seconda la prima settimana di gennaio, si stabilizza poi al terzo posto nel resto del mese.

Entrambe le classifiche rilevano l'ascesa degli As Animals, altro duo francese pubblicato in Italia dalla Time che con "I see ghost (Ghost gunfighters)" occupa quasi stabilmente le posizioni rincalzo del podio. E sia EarOne che RadioAirplay, per quanto con andamenti leggermente diversi, segnalano l'ingresso e la permanenza in Top Ten di "Non è mai abbastanza" dei Modà (Ultrasuoni), "Senza chiederci di più" di Alex Britti (It.pop), "We are young" degli svedesi Le Kid (Time), "Wild child" dell'australiana Elen Levon (Ego), "Dusty men" di Saule (un altro belga, con il di Charlie Winston, etichetta Carosello), "Somos" dello spagnolo Jarabedepalo (ancora Carosello) e "1977" della rapper franco-cilena Ana Tijoux (Ego; il brano, tra l'altro, risale al 2010).

Per scovare le differenze bisogna scendere di qualche posizione: "The sun" di Western Disco feat. Lura, licenza Time/Rise da Island Records/Universal, "tiene" per tre settimane nella chart di RadioAirplay, mentre non compare in quella di EarOne se non in quella a cavallo tra fine dicembre e inizio gennaio (al decimo posto). Quest'ultima, d'altra parte, include nelle prime dieci posizioni "E mi mancherai (Y me faltaras") dei debuttanti e misteriosi Karma Connection (legati alle edizioni di Radio 105, Kromaki Music) e "Without you" del dj e produttore californiano Dillon Francis feat. T.E.E.D. (Ego), assenti dalla Top Ten della concorrente, che peraltro registra una settimana prima l'ingresso del singolo di Jarabedepalo. Ma sono molto più evidenti le analogie: nell'ultima settimana di gennaio, dal 24 al 30, le prime sette posizioni sono identiche, e le due charts condividono nove titoli su dieci. (am)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.