'Il file sharing non è la causa della crisi': lo dice un commerciante americano

'Il file sharing non è la causa della crisi': lo dice un commerciante americano
Un parere interessante e fuori dal coro, a proposito della influenza deleteria che i download gratuiti da Internet eserciterebbero sulle vendite di CD, arriva dal contitolare di Hoodlums (un piccolo negozio indipendente localizzato a Tempe, in Arizona), sentito nei giorni scorsi come testimone dalla commissione d’inchiesta del Senato USA che sta valutando la legittimità delle iniziative intraprese dalle case discografiche associate alla RIAA (Recording Industry Association of America) contro i file sharers (vedi News). “Vendiamo dischi ogni giorno ad appassionati di musica che scaricano regolarmente musica da Internet”, ha detto il commerciante americano, Steve Wiley, il cui esercizio ha aperto i battenti nel 1998, agli albori dell’era di Napster, e si trova nel cuore della università statale dell’Arizona. “Siamo contro chi non vuole pagare la musica”, ha precisato, parlando a nome anche di altri rivenditori indipendenti, “ma anche contro chi indica nel file sharing la causa principale di tutte le disgrazie dell’industria musicale. La diffusione del peer-to-peer sembra piuttosto un capro espiatorio conveniente per quei discografici e rivenditori che hanno prosperato quando si trattava di convincere la gente a sostituire con i CD i vecchi LP ma che oggi hanno perso contatto col mercato e non sono capaci di adattarsi alle nuove esigenze dei consumatori”. Secondo Wiley, che dice di aver raggiunto il suo massimo fatturato proprio il mese scorso, la crisi di mercato sarebbe piuttosto dovuta ai prezzi alti e all’incapacità dell’industria di sfruttare, almeno per ora, le potenzialità concesse dalla distribuzione digitale. “Smettetela di prendervela con i ragazzini”, ha invocato in chiusura del suo intervento il commerciante dell’Arizona, invitando case discografiche e politici a “smettere di perseguire i consumatori e a cercare piuttosto il modo di soddisfarne i loro desideri”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.