NEWS   |   Industria / 02/10/2003

In uscita una compilation della Mescal: realizzata interamente dai fan

In uscita una compilation della Mescal: realizzata interamente dai fan
Una delle virtù di Internet, come in molti e in più occasioni hanno sottolineato, è quella di consentire un'interazione più stretta tra gli artisti che incidono i dischi, le case discografiche che li pubblicano e la gente che li compra: tanto che già diversi musicisti (ricordiamo la Patti Smith dell'ultima antologia, “Land”) utilizzano regolarmente la rete e i siti Web, oggi, per sondare i gusti del loro pubblico e coinvolgerlo nella realizzazione di nuovi progetti, discografici e non. In Italia è ora la Mescal di Bluvertigo, Subsonica, Afterhours, Modena City Ramblers e Cristina Donà ad esplorare questa strada, affidando direttamente ai fan il compito di scegliere scaletta, titolo, copertina e persino strategie promozionali di una compilation retrospettiva sul catalogo del marchio piemontese che sarà sul mercato entro Natale.
Chi vuole partecipare alla singolare (e meritevole, aggiungiamo noi) iniziativa può esprimere le sue preferenze collegandosi al sito www.mescalcompilation.135.it e compilando un apposito modulo che consente di accedere alle votazioni: la prima fase delle quali (che si chiude il 9 ottobre) servirà a selezionare 30 canzoni tra cui, attraverso un successivo ballottaggio (dal 13 al 19 ottobre), verranno scelti i 20 titoli che finiranno sul CD: senza preoccupazioni storico-antologiche o di equilibri “politici” tra i diversi artisti del roster, ma soltanto in base al gradimento del pubblico. I votanti, se lo vorranno, potranno anche essere citati uno per uno nei crediti del disco, che ha anche un risvolto benefico dal momento che una parte del ricavato della vendita verrà devoluto all'associazione Emergency di Gino Strada.
“Una compilation 'scorretta', fatta da chi ama la musica, da chi segue i concerti, da chi non compra le compilation”, la definisce Valerio Soave, titolare della Mescal che dell'iniziativa è stato l'ideatore. “Io ho lanciato l'idea sulla bacheca del nostro sito, che oggi conta più di 70 mila accessi mensili”, racconta, “e diciassette 'volontari' si sono offerti di pensare loro a tutto, gratuitamente: dalle procedure di votazione alla confezione del CD. E' un progetto che, tra l'altro, può consentire agli stessi artisti di rendersi conto dei gusti dei fans, al di là delle vendite. E, visto l'entusiasmo che ha suscitato, lo ripeteremo sicuramente anche in futuro”.