Concerti: nero su bianco lo scioglimento dei Motley Crue dopo il Final Tour

Concerti: nero su bianco lo scioglimento dei Motley Crue dopo il Final Tour

Proibire un eventuale ritorno di fiamma (artistico) per mezzo di un contratto: questo l'insolito provvedimento - che si potrebbe battezzare, con un po' di fantasia, assicurazione anti reunion - preso dai Motley Crue in vista del loro Final Tour, ultima stringa di date dal vivo che porterà la leggendaria band losangelina a partire dal prossimo mese di luglio - con una data zero a Grand Rapids, Michigan, prima di altri 71 eventi in giro per il solo nordamerica - on the road prima negli USA e poi nel resto del mondo.

L'accordo è stato siglato alla presenza dell'avvocato Doug Mark, titolare dello studio legale che cura gli interessi della band: "Altri gruppi si sono sciolti per rancori interni o per l'incapacità delle persone di andare d'accordo", ha spiegato Mark, "Questa è una scelta reciproca tra tutti e quattro i membri originali che hanno deciso in maniera pacifica di concentrasi su altro”. Lo scopo, quindi, oltre a quello di creare attesa e attenzione nei confronti della serie di eventi, potrebbe essere quello di evitare future faide interne alla formazione, come - ad esempio - quella che ha interessato i Beach Boys circa un anno dopo la reunion, e che sta vedendo da una parte il titolare della sigla Mike Love proseguire l'attività dal vivo sotto la storica egida pur senza la presenza, sul palco, degli altri tre elementi originali David Marks, Al Jardine e Brian Wilson, quest'ultimo principale autore delle hit presenti nel loro repertorio: "Tutto deve finire", ha commentato al proposito il batterista Tommy Lee, "Abbiamo sempre voluto fare concerti col botto e non suonare a fiere di paese e piccoli club con uno o due membri della band originale. Il nostro lavoro qui è finito”. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.