Cesaria Evora: la bellezza della quotidianità

Cesaria Evora: la bellezza della quotidianità
Cesaria Evora, oggi a Milano per presentare alla stampa la sua ultima fatica discografica, "Voz d'amor", è una paciosa quanto solare signora che - nonostante abbia una delle voci più invidiate al mondo - non esita ad accendere 3 sigarette in venti minuti: a Rockol, che l'ha incontrata oggi negli uffici milanesi della BMG, l'artista originaria di Capo Verde ha raccontato cosa sta dietro al suo ultimo album, spendendo anche qualche parola lusinghiera sugli artisti nostri connazionali.
"La malinconia e l'attaccamento alla mia terra d'origine sono parte intergrante del mio universo creativo, sono due istanze che mi hanno accompagnato lungo tutta la mia carriera", ci spega la Evora, che aggiunge: "In 'Voz d'amor', in particolare, mi sono preoccapata da prestare maggiore attenzione ai problemi quotidiani come i rapporti tra le persone, l'indigenza e la disoccupazione". Per realizzare questo suo ultimo disco, in particolare, Cesaria ha chiamato alla sua corte il pianista Nando Andreade ("Anche se il team produttivo", precisa, "rimane lo stesso, quello al quale sono più affezionata"), oltre che al cubano Régis Giravo e al brasiliano Hamilton de Holanda: "Le collaborazioni non sono mai state un problema, anzi: le trovo stimolanti e interessanti. Ho collaborato con musicisti di tutto il mondo, anche con l'americana Bonnie Raitt. Mi manca solo di collaborare con un artista italiano: la vostra musica mi piace molto. Anzi: Gianni Morandi abita tanto lontano da qui? Perché con lui lavorerei volentieri".
Cesaria, nonostante la sua lunga e onorata carriera, tiene occhi e orecchie bene aperti. Alla domanda su come veda le contaminazioni tra il patrimonio cultural-musicale tradizionale e le nuove tendenze, risponde con sicurezza: "Per quanto mi riguarda, ho sempre preferito la musica acustica. La prima volta che ho ascoltato dei remix (è appena stato pubblicato "Club sodade", disco di "riletture" realizzato da alcuni dei DJ più in vista del panorama attuale) di miei brani ho pensato: 'Dio mio, cosa hanno combinato?'. Tuttavia è bello vedere i più giovani ricordarsi delle proprie origini: a Capo Verde la tradizione si sta sempre più contaminando con l'hip-hop, il pop e la dance, per cui non vedo nulla di male nel permettere alla musica popolare di esprimersi al passo coi tempi. Se poi questo serve a diffonfere mondialmente un certo stile locale, tanto meglio".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.