Tiziano Ferro, confermata la sentenza di evasione fiscale

Tiziano Ferro, confermata la sentenza di evasione fiscale

La commissione Tributaria regionale del Lazio ha confermato la sentenza di primo grado che ha appurato l'evasione fiscale da parte di Tiziano Ferro di tre milioni di euro resa possibile  grazie a una dichiarazione di una falsa residenza all'estero: la pronuncia si riferisce alle dichiarazioni dei redditi riferibili agli anni 2006, 2007 e 2008, durante i quali - ufficialmente - la residenza del cantante era stata indicata in Gran Bretagna, più precisamente a Londra. Come riferisce l'edizione online del Corriere della Sera, il rigetto del ricorso dell'artista - che durante il processo seguito alle indagini dell'Agenzia delle Entrate si era sempre dichiarato innocente, spiegando come la sua residenza londinese fosse reale e non fittizia - da parte della commissione costringerà la voce di Latina ad accollarsi anche le spese processuali.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
30 mag
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.