Royalties digitali, anche i Counting Crows fanno causa a Universal

Royalties digitali, anche i Counting Crows fanno causa a Universal

Usciti dall'orbita della major Universal dai tempi di "Saturday nights & sunday mornings" (Geffen, 2008), i Counting Crows si uniscono al sempre più folto gruppo di artisti che fanno causa alle case discografiche ritenendo di essere stati defraudati di una parte consistente delle loro royalty digitali. La questione, sollevata da un caso pilota istigato dai primi produttori di Eminem a cui si sono accodati tra gli altri Toto, Chuck D, Kenny Rogers, Rob Zombie, Sister Sledge, Peter Frampton, George Clinton e gli eredi di Rick James, attiene ai metodi utilizzati dalle case discografiche per calcolare le royalty sui download digitali. Le major, infatti, continuano regolarmente ad applicare la prassi utilizzata nella vendita dei cd, in base alla quale la percentuale mediamente dovuta all'artista si aggira intorno al 15 per cento del prezzo dei dischi. Come i loro colleghi, Adam Duritz e compagni fanno invece distinzione tra "vendita" e "licenza", sostenendo che le vendite su iTunes e altri store digitali rientrino nella seconda ipotesi dando diritto a riscuotere il 50 per cento dei proventi.

I legali della band sono pertanto ricorsi presso la Corte Superiore di Los Angeles per richiedere il reintegro delle somme dovute su download e suonerie. L'auditor ingaggiato dal gruppo ha calcolato in oltre un milione di dollari le somme dovute e mai pagate dalla Universal: il grosso riguarda appunto i download, ma nella cifra sono inclusi anche calcoli relativi ai diritti di pubblica esecuzione (183.625 dollari), allla distribuzione di prodotti omaggio e alle spese pubblicitarie.

Finora, ricorda Billboard, poche delle vertenze tra artisti e case discografiche sono sfociate in accordi extragiudiziali, uno dei quali è stato siglato da Warner Music con l'ex Doobie Brothers Michael McDonald per la cifra di 11 milioni e mezzo di dollari. Nel 2012 la società dei produttori di Eminem, FBT Production aveva raggiunto un accordo con Aftermath e Universal Music, che peraltro deve fronteggiare in tribunale una class action.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.