Queensrÿche: verso un accordo per il possesso del nome

Queensrÿche: verso un accordo per il possesso del nome

Sembra che stia per chiudersi con un accordo la saga - peraltro non molto edificante - che ha visto i Queensrÿche scindersi in due diverse entità dal nome uguale e, di conseguenza, litigare per mantenere la propria identità.

Nel 2012, infatti, il frontman Geoff Tate è stato licenziato dalla band. In tutta risposta ha messo insieme la propria versione dei Queensrÿche, in modo che sulla piazza da quel momento esistono due gruppi con la medesima ragione sociale. Da lì è iniziata una lunga battaglia legale fatta di cause e udienze in tribunale, finita però con uno smacco per Tate... il verdetto ultimo, infatti, è stato che tutti potevano continuare a usare la denominazione Queensrÿche.

In una recente intervista, però, Tate alla domanda se preferirebbe riunirsi ai suoi vecchi compari (visto che i "suoi" Queensrÿche non hanno ricevuto un'accoglienza molto calda dai fan) oppure avere l'esclusiva sul nome, ha risposto così: "Al momento ci sono due formazioni dei Queensrÿche, una cosa genera troppa confusione nei fan. Dobbiamo fare in modo che il nome vada a uno dei due e l'altro venga risarcito. Stiamo trattando proprio ora e spero che nelle prossime due settimane giungeremo a un accordo".
Intanto, però, a giorni potrebbe iniziare un nuovo iter giudiziario, visto che i Queensrÿche originali hanno deciso di portare in tribunale Tate per pratiche scorrette e per avere intenzionalmente danneggiato la loro incarnazione della band con una serie di comportamenti scorretti.

Contenuto non disponibile

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.