Italia, classifiche 2013: Ligabue e Daft Punk i più venduti

Italia, classifiche 2013: Ligabue e Daft Punk i più venduti

Una schiacciante predominanza degli artisti di casa nostra nei piani alti della classifica di vendita degli album, con nove delle prime dieci posizioni occupate da nostri connazionali, e cinque dei dieci dischi più venduti (dei quali due sul primo e secondo gradino del podio) usciti solo nella seconda metà dello scorso novembre. E una single chart digitale monopolizzata dai grandi nomi della musica internazionale, nella quale resiste solo il "nostro" Marco Mengoni: questa, in estrema sintesi, la fotografia che la società di rilevamento GfK ha scattato per FIMI (utilizzando come campione 3500 negozi tra ipermercati, supermercati, negozi indipendenti e store online) alle vendite di dischi in Italia nell'anno appena conclusosi.

A fare la parte del leone è stato Ligabue, che con "Mondovisione", la sua prova in studio più recente - spedita sui mercati solo lo scorso 26 novembre, cioé a poco più di un mese dalla fine dell'anno, è salito in vetta alla album chart 2013 (ottenuta combinando le vendite fisiche a quelle digitali): alle spalle del rocker di Correggio si sono piazzati i Modà con "Gioia, non è mai abbastanza", versione ampliata dell'album "Gioia" resa disponibile il passato novembre in vista del mercato natalizio, e Jovanotti, con la compilation "Backup 1987 - 2012". Giù dal podio sono rimasti "Stecca" di Moreno (quarto) e "Schiena vs schiena" (altra edizione ampliata di un album già edito) di Emma: sulla sesta tacca si attesta Fedez con l'edizione originale di "Sig. Brainwash - l'arte di accontentare", seguito da Marco Mengoni con "#prontoacorrereilviaggio" (triplo cofanetto uscito a novembre, spin off dell'album in studio "#prontoacorrere"), che comunque si lascia alle spalle gli unici stranieri presenti nel gruppo di testa, gli One Direction con "Midnight memories" (uscito sempre a novembre). Completano la top ten "20 - The greatest hits" di Laura Pausini (pubblicato a novembre) e "Max 20" di Max Pezzali. Da un punto di vista meramente industriale, Sony e Universal riescono a piazzare tre album a testa nella top ten, e Warner due, anche se la medaglia d'oro e quella d'argento vanno ai due indipendenti (rispettivamente alla Zoo Aperto, etichetta di Ligabue, e alla Ultrasuoni, etichetta controllata da un consorzio creato dalle emittenti radiofoniche RTL, RDS e Radio Italia.

Situazione completamente ribaltata, invece, nella single chart, che ha preso in considerazione solo il mercato digitale: il primo posto di "Get lucky" dei Daft Punk ci uniforma ad altri paesi come - ad esempio - il Regno Unito, dopo il singolo di traino di "Random access memories" è risultato il più venduto nel corso degli ultimi dodici mesi. Secondo posto a "Wake me up" di Avicii, seguito dall'unica canzone italiana nelle prime dieci, "L'essenziale" di Marco Mengoni. Dal quarto posto in poi la chart resta appannaggio dei grandi nomi del pop internazionale: a "Blurred lines" di Robin Thicke segue "Just give me a reason" di Pink, "Scream and shout" di Britney Spears, "I follow rivers" di Likke Li, "You will never know" di Imany, "Play hard" di David Guetta e "Pompeii" dei Bastille. Che, dato curioso, con il disco dal quale è stato estratto il loro singolo di successo, "All this bad blood" (comunque versione ampliata e corretta dell'originale "Bad blood"), nella album chart tricolore si sono piazzati al centesimo posto, ultima posizione rilevata.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.