Universal: Bronfman gioca le ultime carte (ma sfiora l'autogol)

L’imprenditore canadese Edgar Bronfman Jr., ex proprietario di Universal e maggior azionista individuale di Vivendi, starebbe ancora tentando il tutto per tutto (lo scorso weekend si è incontrato con il numero uno della multinazionale francese Jean-René Fourtou): ma le critiche da lui riferite al Financial Times, a proposito del modo in cui il management transalpino sta gestendo la transazione di Vivendi Universal Entertainment, sembrano avergli alienato le ultime simpatie nel consiglio di amministrazione della società, rafforzando ulteriormente - stando alle notizie che arrivano dagli USA – la posizione dell’unico rivale rimasto in lizza, il gruppo NBC/General Electric (vedi News).

Come già è stato sottolineato, la TV americana ha interesse ad impossessarsi di uno studio cinematografico e televisivo hollywoodiano come Universal per avere accesso diretto alla produzione di film e programmi, portandosi così sullo stesso piano dei principali concorrenti (CBS è controllata da Viacom, ABC fa parte del gruppo Walt Disney e la Fox fa capo alla News Corp. di Rupert Murdoch: tutte e tre sono holding integrate, che controllano produzione, distribuzione e diffusione di contenuti di intrattenimento). La decisione finale del cda è data (ma non è la prima volta…) per imminente, ma sembra che neppure la NBC abbia ancora superato tutti gli ostacoli che si trova davanti: Vivendi vorrebbe maggiori garanzie di copertura finanziaria da parte di General Electric, e sul tappeto resta la questione dei vincoli contrattuali con cui l’ex numero uno della divisione, Barry Diller, è ancora in grado di limitare la libera disponibilità sul mercato delle aziende di proprietà Vivendi nel settore televisivo e cinematografico. Una delle più lunghe telenovele nella storia recente dei “merger” societari tra imprese dell'entertainment potrebbe, insomma, non aver ancora raggiunto la sua ultima puntata.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.