Caso Grokster-Morpheus, le major vanno in appello

Grokster e Morpheus, due dei maggiori servizi Internet non autorizzati che consentono la condivisione gratuita di file audio e video attraverso la rete, restano costantemente nel mirino delle case discografiche e cinematografiche americane. Le rispettive associazioni di categoria che operano negli Stati Uniti, RIAA e MPAA, sono ricorse in questi giorni ad un tribunale di San Francisco per cercare di ribaltare la discussa sentenza del giudice di Los Angeles Stephen Wilson che, la scorsa primavera, ritenne di dover escludere ogni responsabilità legale delle due società per le eventuali violazioni di copyright commesse da chi ne utilizza i programmi di file sharing (vedi News).
Le major non hanno accettato quell’interpretazione, e continuano a dare battaglia: “Queste – ha ribadito il presidente della RIAA Cary Sherman riferendosi a Grokster e Morpheus e alle società che le gestiscono – sono aziende che sono state messe in piedi con l’unico scopo di scambiare illegalmente opere protette dal diritto d’autore e che grazie a questa attività producono un profitto. La Corte d’Appello dovrebbe ritenerle responsabili”. Da parte delle due società incriminate, invece, poche e laconiche dichiarazioni: “A prima vista, nelle nuove carte processuali non c’è nulla di nuovo che non sia già stato discusso in tribunale e rigettato in prima istanza”, ha commentato il legale di Grokster Mike Page. “Ci aspettiamo – ha aggiunto – che il tribunale di San Francisco arrivi alle stesse conclusioni”.
Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.