Airplay radio: classifiche 'indie' a confronto

Airplay radio: classifiche 'indie' a confronto

Dopo anni di frustrazioni, di polemiche e di discussioni relative alle metodologie di rilevazione adottate dal Music Control, il servizio di monitoraggio creato dal gruppo tedesco Media Control e poi acquisito dalla multinazionale Nielsen, nel corso del 2013 etichette e artisti indipendenti - fino ad oggi "premiati" in radio dalle sole dance chart - stanno finalmente iniziando a trovare spazio e visibilità nelle classifiche di airplay, strumento di misurazione significativo (anche se parziale) della popolarità dei personaggi musicali e vetrina promozionale importante per produzioni che rischiano altrimenti di passare inosservate e sotto traccia.

L'apertura del mercato e la presenza in campo di due società specializzate concorrenti ha già prodotto due chart dedicate, elaborate con metodologie e filosofie differenti: alla Indie Airplay Chart inaugurata nel maggio scorso da Radio Airplay e pubblicata in virtù di un accordo esclusivo anche da Audiocoop sul portale Meiweb.it  si aggiunge ora la Top Ten promossa dall'associazione di produttori e discografici PMI ed elaborata da EarOne (la prima verrà resa pubblica venerdì 20 dicembre); la stessa Audiocoop produce anche Indie Music Like, non una vera classifica ma un "indicatore di tendenza" della musica più ascoltata sulle Web radio secondo le segnalazioni e le playlist trasmesse dagli operatori.

Le due classifiche considerano come prodotti indipendenti anche quelli pubblicati da etichette che per la distribuzione si affidano a case discografiche major (per esempio Sugar o Clan), ma le similitudini finiscono lì. La Indie Airplay Chart di Radio Airplay è il prodotto della sommatoria dei passaggi monitorati su circa 180 emittenti, secondo un principio adottato fin dall'inizio dalla società di base a San Marino e che il fondatore della società, Mauro Naccarato, motiva con la volontà di dare visibilità anche a progetti che ottengono riscontro a livello locale e regionale e che rischierebbero di annegare nel mare magnum della programmazione dei network nazionali.

EarOne e PMI - che a partire dal 2014 inizieranno a collaborare anche sul fronte della rilevazione dei passaggi nelle tv musicali - hanno invece preferito restare fedeli al criterio dei punteggi, calcolati ponderando il numero di passaggi conteggiati su 102 radio (14 network nazionali, il resto emittenti regionali e locali) con i dati di audience giornalieri e per fascia oraria di ogni emittente (secondo quanto rilevato dall'indagine Radiomonitor di GfK/Eurisko aggiornata al giugno del 2013). Metodi diversi che porteranno, prevedibilmente, a risultati diversi (e diversamente interpretabili e manipolabili): dunque, da maneggiare con cura per evitare confusioni e strumentalizzazioni.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.