Medimex 2013, il bilancio: 'Una fotografia a colori del sistema musicale'

Medimex 2013, il bilancio: 'Una fotografia a colori del sistema musicale'

Tra il 6 e l'8 dicembre i padiglioni della Fiera del Levante di Bari hanno ospitato novecento operatori del settore musicale, registrando circa tredicimila presenze pari a un incremento del 30 per cento rispetto all'anno scorso. Ma non è solo dal punto di vista delle nude cifre che il Medimex 2013 ha fatto un salto di qualità secondo Antonio Princigalli, coordinatore del programma regionale Puglia Sounds che promuove l'evento. "Già la mera presenza di tutte e tre le major, Universal, Sony e Warner, è stato un evento simbolico, un sintomo importante dell'evoluzione della manifestazione", osserva. "Il Medimex, quest'anno, ha ospitato una serie di appuntamenti che hanno attraversato verticalmente l'intero sistema musicale del Paese. Dalle grandi case discografiche a quelle più piccole. Dai grandi organizzatori di concerti a quelli di base. Dagli artisti più popolari a quelli esordienti. Dagli operatori nazionali a quelli esteri, anche quest'anno molto numerosi. Il nostro compito, lo dico sempre, è di scattare fotografie periodiche del sistema musicale nazionale. E quest'anno questa fotografia è venuta più a fuoco rispetto agli anni passati, rappresentando in modo più preciso la realtà del settore. Un settore in crisi, non ci sono dubbi, eppure è come se dal bianco e nero fossimo passati nuovamente al colore: l'industria della musica ha le idee, la forza e l'intenzione di trovare in sé nuova linfa. C'è, nonostante tutto, una gran voglia di rimboccarsi le maniche e di fare finalmente sistema provando a ricalcare le esperienze vissute in altri Paesi europei".

Quali gli eventi, i momenti più importanti? "Come dicevo, e anche se dall'incontro non sono emerse proposte rivoluzionarie, avere sullo stesso palco i presidenti delle tre major, disposti a confrontarsi e ad offrire il loro punto di vista sul mercato e sul loro ruolo, è stato per noi particolarmente significativo. Altrettanto importante è avere ospitato 'Più musica live', il tavolo di lavoro nato da un'iniziativa dell'ex assessore alla Cultura del Comune di Milano Stefano Boeri che rappresenta a mio giudizio un modo totalmente innovativo di puntare allo sviluppo dell'offerta di musica dal vivo nel Paese: la cosa più interessante è che questa iniziativa, nata da una petizione in Rete che ha aggregato tanti nomi diversi, ha già raggiunto un obiettivo importante, dal momento che le sue istanze sono state accolte nel 'Decreto Valore Cultura'. Un terzo aspetto significativo è stato la presenza in fiera di Casa Bertallot, un'iniziativa coraggiosa che dimostra come in questo Paese si possa fare comunicazione e informazione sulla musica in un modo nuovo slegato dai meccanismi tradizionali e dai grandi network. Un quarto elemento distintivo è stato l'approfondimento che in numerosi convegni è stato fatto sull'uso delle nuove tecnologie che stanno rivoluzionando il mercato musicale, le vendite, i consumi e la fruizione.Senza dimenticare il risvolto sociale, rappresentato al meglio dalla premiazione del progetto 'Musica contro le Mafie'. Non sono, questi, gli unici pilastri della filiera musicale ma sicuramente sono tra gli elementi più rappresentativi".

Cambia la fotografia del sistema musica, dunque. Ma cambia anche la "macchina fotografica" rappresentata dal Medimex? "Abbiamo rafforzato la sezione dedicata agli addetti ai lavori, amplificando in parallelo l'offerta rivolta agli appassionati e al grande pubblico. C'è qualcosa da migliorare e affinare? Ovviamente. Il desiderio è di consolidare ulteriormente ciò che abbiamo costruito: il Medimex è un tavolo a cui chiunque faccia parte del sistema musicale è invitato a sedersi fornendo il suo contributo e portandosi via qualcosa. E' un sistema completamente aperto, e siccome a organizzare la manifestazione è un ente pubblico crediamo giusto metterla al servizio dell'intera industria nazionale. Questo obiettivo lo abbiamo già raggiunto: si tratta ora di coinvolgere ancora più partner, mettendo in collegamento il maggior numero di idee possibili. Il calendario? Stiamo riflettendo se sia il caso di confermare il periodo a cavallo tra fine novembre e inizio dicembre o se anticipare all'inizio di ottobre. Cercheremo di fare la scelta più utile alla buona riuscita della manifestazione".

In tre giorni fittissimi di avvenimenti e di impegni difficile individuare l'episodio più eclatante o un unico momento destinato a restare nella memoria. Princigalli sceglie "la serata finale, con l'assegnazione delle Targhe Tenco. Mi sembrava folle che dopo tutto questo tempo il premio e la manifestazione più importante d'Italia per la canzone d'autore non trovasse un luogo in cui svolgersi. Averla ospitata quest'anno a conclusione del Medimex è stato un gesto importante in un momento importante. Iniziative di qualità come il Tenco, che hanno raccontato la storia musicale del nostro Paese, vanno assolutamente preservate".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.