Anticipazioni del New York Times: su Spotify arrivano i Led Zeppelin

Anticipazioni del New York Times: su Spotify arrivano i Led Zeppelin

Anticipazioni pubblicate dal New York Times danno per imminente (e cioè in giornata) l'annuncio dell'atteso sbarco su Spotify del catalogo dei Led Zeppelin: il giornalista del quotidiano newyorkese Ben Sisario scrive che la notizia dell'accordo esclusivo verrà diffusa oggi nel corso di una conferenza stampa in programma a Manhattan, dove i responsabili del servizio di streaming svedese presenteranno anche una nuova opzione di accesso gratuito e limitato al catalogo attraverso smartphone e altri dispositivi mobili.

Sisario sostiene che i rappresentanti dei Led Zeppelin erano impegnati in trattative con diversi servizi di streaming già dallo scorso mese di gennaio, e che tra i concorrenti battuti sul filo di lana da Spotify figurerebbero società come Rdio e Rhapsody. Il catalogo dei Led Zeppelin, le cui vendite nei soli Stati Uniti ammontano a oltre 111 milioni di album (dati ufficiali della RIAA, Recording Industry Association of America), è arrivato tardi anche su iTunes, dove è disponibile per il download a pagamento dal 2007.

Tra i maggiori artisti tuttora non disponibili su Spotify risultano i Beatles, gli AC/DC, i Tool, Garth Brooks e, parzialmente, Peter Gabriel (che proprio nelle scorse ore ha spiegato le sue perplessità sul modo in cui la società svedese tratta gli artisti, affiancandosi a colleghi come Thom Yorke e David Byrne), mentre nel corso del 2013 il catalogo della piattaforma si è arricchito del repertorio dei Pink Floyd e dei Metallica: sia Nick Mason che Lars Ulrich si sono dichiarati molto soddisfatti dei risultati ottenuti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.