Royalties e collecting: alternative al monopolio SIAE

Royalties e collecting: alternative al monopolio SIAE

In tutto il mondo la gestione economica dei diritti d'autore e dei diritti connessi (i diritti, cioè, spettanti a produttori fonografici ed artisti interpreti esecutori per la pubblica diffusione della musica registrata) è affidata alle società di "collecting", agenzie incaricate di incassare e redistribuire agli aventi diritto le royalty versate dagli utilizzatori del repertorio (radio, tv, siti Internet, locali pubblici e le stesse case discografiche, per quanto riguarda l'utilizzo di opere depositate nei dischi e nei supporti digitali posti in commercio).

Trattandosi di due diritti distinti tra di loro, la gestione delle royalty spettanti ad autori/editori musicali è separata da quella dei compensi spettanti a case discografiche e interpreti: in Italia, ad esempio, sulla base di quanto stabilito dalle direttive dell'Unione Europea e dalla legge sul diritto d'autore 633/41, il primo compito è stato svolto finora in regime di monopolio dalla SIAE, mentre il secondo è stato principalmente affidato a SCF - Consorzio Fonografici, che in parallelo ad altri enti (Nuovo IMAIE e Itsright) esercita in base al recente DCPM 19/12/12 anche l'intermediazione dei diritti per conto degli artisti interpreti. In sostanza, un bar, un negozio, un supermercato o uno studio dentistico che vogliano trasmettere musica registrata (cosiddetta d' "ambiente") ai propri clienti sono dunque tenuti al pagamento di due compensi separati e gestiti da soggetti diversi, uno dei quali spettante agli autori e l'altro ai produttori discografici e agli artisti.

Nel 2008 la Commissione Europea ha formulato una delibera in base alla quale diritto d'autore e diritto connesso possono essere gestiti in regime di concorrenza sui territori nazionali e a livello transnazionale. Una ulteriore proposta emanata nel luglio del 2012 su proposta del Commissario Michel Barnier ha dettato la linea sulla "gestione collettiva dei diritti d'autore e dei diritti connessi e sulla la concessione di licenze multiterritoriali per i diritti su opere musicali per l'uso online nel mercato interno". In base a tale norma viene abolito di fatto il monopolio in tema di intermediazione dei diritti d'autore e connessi e liberalizzato il mercato: di conseguenza ogni autore (o artista, e casa discografica) ha oggi facoltà di "spacchettare" i suoi diritti, aderendo a molteplici società di collecting e assegnando a ciascuna di esse la gestione di uno specifico diritto, limitando di fatto - in Italia - il mandato assegnato alla SIAE.

Soundreef, società creata da Davide d'Atri e Francesco Danieli nell'ottobre del 2011, nasce su queste premesse e in questo contesto: l'azienda rilascia autorizzazioni per l'utilizzo di musica, recupera e ripartisce royalty per conto di autori, compositori, editori ed etichette - integrando, dunque, la gestione dei due diritti separati - e garantisce un'alternativa, in Italia, a SIAE e SCF. Gestisce attualmente un portafoglio di migliaia di negozi in Europa (frequentati ogni mese da 45 milioni di clienti), cui fornisce "musica d'ambiente" autorizzata a prezzi competitivi e con sistemi di gestione efficienti per una rapida e corretta erogazione dei compensi.









The Soundreef Sessions è una mini-serie divulgativa realizzata in collaborazione con Soundreef e dedicata al "collecting", uno dei temi più rilevanti sullo scenario dell'industria musicale per il suo impatto potenziale sulle carriere degli artisti impegnati a re-impostare le loro carriere nell'economia digitale. Dai diritti d'autore alle royalties, dai meccanismi alle tecnicalità, dalle radio "in-store" al segmento live: tutti i temi attinenti saranno oggetto della serie

  .

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.