Universal: se l'asta va male, pronta la soluzione della quotazione in Borsa

Amministratore delegato cercasi per Vivendi Universal Entertainment, mentre la multinazionale franco-statunitense valuta la possibilità di collocare sul mercato azionario le sue imprese nel settore cinematografico, televisivo e musicale (la casa discografica Universal Music). Lo rivela il New York Post, secondo il quale Vivendi avrebbe ingaggiato una (non meglio identificata) agenzia “top” di ricerca del personale per individuare i possibili candidati al ruolo, essenziale nel traghettare le società dal rango di “private” a quello di “public companies”.
Per procedere verso un'eventuale offerta pubblica iniziale, la holding francese dovrebbe poter contare su un manager ben visto a Wall Street e quindi in grado di guadagnarsi la fiducia degli investitori: nella sua “lista dei desideri” figurerebbero tra gli altri il presidente della Viacom Mel Karmazin, il ceo di Yahoo! Terry Semel e il top manager di AOL Time Warner Jeff Bewkes. Vivendi sembra volersi tenere aperta la strada di una IPO nel caso in cui l'asta in corso per la sua divisione entertainment (che non include la musica, vedi News), non dovesse fruttare quanto sperato, in termini economici: sembra infatti che al momento nessuno degli offerenti, Liberty Media, NBC/General Electric, MGM, Viacom e i due gruppi finanziari guidati da Marvin Davis e Edgar Bronfman Jr., abbia garantito una somma ritenuta congrua dal management transalpino (gli 11,5 miliardi di dollari messi sul piatto da MGM, per esempio, sono stati considerati insufficienti).
Le fonti citate dal Post sostengono che la società francese abbia fatto le cose per bene e si sia già portata avanti con i lavori; per fine anno sarebbe in grado di presentare bilanci e documenti per la domanda di ammissione presso la commissione di Borsa USA, nella speranza di lanciare l'eventuale IPO entro la prima metà del 2004.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.