What a clip! Sophie Muller, una fuoriclasse del videomaking

What a clip! Sophie Muller, una fuoriclasse del videomaking


di
Mila Berardini

 

Sophie Muller nasce a Londra nel 1961, ma trascorre gran parte della sua giovinezza su un'isola a metà tra Scozia e l'Irlanda del Nord.
Fin da piccola si interessa al mondo delle arti e decide in seguito di farne la sua vita, iscrivendosi alla prestigiosa Central Saint Martins School. I suoi studi vanno a completarsi con un percorso in materie filmiche frequentato al Royal College of Art, di Londra, vincendo addirittura un premio per la creatività, il “J. Walter Thompson Prize”.
La sua carriera da regista inizia con gli Eurythmics nel 1987, primo gradino che la guiderà verso la sua scalata nell'olimpo dei registi più famosi, lavorando con i nomi più celebri del panorama musicale mondiale: Sinead O'Connor, Blur, Coldplay, Bjork, PJ Harvey, Radiohead, Cure, Garbage, Hole, Sophie Ellis Bextor, No Doubt, Killers e Beyoncè, solo per citarne alcuni.

Nel 1996 Sophie Muller dirige il videoclip del singolo più celebre dei No Doubt, “Don't speak”. Ambientato prevalentemente in un garage, il focus della clip è il volto della cantante Gwen Stefani, lasciando il resto del gruppo in ombra. Vengono mostrati inoltre alcuni spezzoni della performance dal vivo della band durante un concerto al "Roseland Ballroom" di New York. Il video ha vinto addirittura il premio come "Best group video" agli MTV Music Awards nel 1997, dove era in nomination anche nella categoria "Video of the year".

No Doubt “Don't speak”

Contenuto non disponibile


Per “Song 2”, la regista decide di chiudere la band di Damon Albarn in un piccolo studio di registrazione dotato di enormi amplificatori che con la loro potenza scaraventano i membri della band contro il muro durante il ritornello del brano.

Blur “Song 2”

Contenuto non disponibile



In seguito è il turno di Alicia Beth Moore, in arte P!nk: si tratta del quarto ed ultimo singolo estratto dal suo secondo album “M!ssundaztood” e la canzone si intitola “Family Portrait”. Testo e immagini vanno di pari passo, raccontandoci la storia di una famiglia che sta per andare in frantumi, mostrando i conflitti interni e la sofferenza attraverso gli occhi un bambino.

Pink “Family portrait”

Contenuto non disponibile



Sophie Muller nel 2005 lavora assieme alla band inglese dei Coldplay per la clip del famosissimo singolo “Fix you”. Qui troviamo Chris Martin che percorre una strada cantando e dal minuto 1:35 al minuto 2:27 è visibile su un edificio alle spalle del cantante, la scritta "make trade fair" in codice Baudot, utilizzato anche per scrivere i titoli sulle copertine dei singoli e dell'album.

Coldplay “Fix you”

Contenuto non disponibile



Quest'anno è la volta anche di Lana del Rey, con il videoclip del brano “Young and beautiful”, presente addirittura nella colonna sonora del film “Il grande Gatsby”. Qui però la Muller non si cimenta nella regia, ma lavora come direttore alla fotografia. Protagonista del video è la cantante americana che, avvolta in suadenti abiti stile anni '20, canta accompagnata da una grande orchestra.

Lana Del Rey “Young and beautiful”

Contenuto non disponibile



Come regista invece la vediamo impegnata assieme a Rihanna per il videoclip di “Stay”. Il video si apre con la cantante che si sfila i vestiti di dosso e si immerge in una vasca da bagno. Durante tutto il video Rihanna rimane immersa in acqua e, in alcuni momenti, è possibile vedere Mikky Ekko che canta in un'altra sala da bagno. Il video è stato spesso definito dalla stampa, come talmente emozionale da riuscire a svelare anche l'aspetto più dolce e sensibile della bella cantante delle Barbados.

Rihanna “Stay”

Contenuto non disponibile

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.