Forse un uomo di AOL (ex collaboratore di Reagan) a capo dei discografici USA

L'associazione dei discografici americani RIAA è sempre alla ricerca di un sostituto della dimissionaria Hilary Rosen (vedi News) cui affidare il compito di fare lobbying presso le autorità politiche per difendere gli interessi della categoria (mai minacciati come in questi ultimi anni).

Il nome che circola con più insistenza in questi giorni, dopo una ridda di voci che avevano coinvolto mesi fa anche l'ex sindaco di New York Rudolph Giuliani (vedi News), è quello di John Buckley, attuale portavoce di America Online. Il candidato sembra avere le credenziali giuste: ha esercitato la professione di critico musicale per il Village Voice e il Rolling Stone e vanta forti legami con il partito repubblicano, avendo lavorato anche alle campagne presidenziali di Ronald Reagan nel 1984 e di Bob Dole nel 1996; qualità, quest'ultima, ritenuta oggi essenziale dall'industria discografica, di tradizionale fede “liberal” e democratica, per entrare in sintonia con il governo di George W. Bush.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.