@Live, i concerti da non perdere nel weekend: Glasvegas, Blue Willa, Deap Vally

Ieri sera, il concerto di Nick Cave all’Alcatraz è andato “piuttosto bene”. Trovate la nostra recensione qui; un report a cui non ci sentiamo assolutamente di aggiungere nulla: due ore pressoché perfette.

Una tempesta (emotiva, sonora, quello che volete) vera e propria. E l’altro ieri a Roma, all’Auditorium, non è andata tanto diversamente, anzi… Il che ci porta inevitabilmente a invidiare tutti quelli che si godranno il buon Nick e i suoi Bad Seeds questa sera al Paladozza di Bologna. Ragazzi, preparatevi per una “Jubilee street” da capogiro. Se invece non siete tra i fortunati possessori di tagliando per la suddetta data, @live ha giusto un paio di valide alternative per trascorrere l’ultimo fine settimana di novembre con tanta buona musica. Occhio perché da qui a Natale poi è un soffio, e tradizionalmente dal venti dicembre in poi si resta a secco, almeno per quanto riguarda i concerti. Prima di passare alle novità di questa tornata però, riprendiamo da dove ci siamo interrotti martedì facendo il percorso inverso rispetto a quanto fatto da Nick Cave per ricordarvi che i .Gogol Bordello hanno salutato Milano e si stanno dirigendo in zona capitale: questa sera li potete trovare all’Orion di Ciampino. E detto questo, possiamo iniziare.

Tre i nomi in ballo, una band italiana e due straniere. Partiamo da quella di casa nostra: Serena Alessandra Altavilla, Mirko Maddaleno, Lorenzo Maffucci e Graziano Ridolfo sono i Blue Willa, band originaria di Prato, nota in precedenza come Baby Blue. Il cambio di ragione sociale avviene nel 2012 mentre il disco d’esordio, l’omonimo “Blue Willa”, è uscito quest’anno ed è da considerarsi a tutti gli effetti come tale; questo nonostante il gruppo abbia già sulle spalle la bellezza di tre album (di cui due prodotti da Paolo Benvegnù). Come si dice… nome nuovo, vita nuova: art rock psichedelico, shoegaze e compagnia bella, influenzato in modo particolare da gente come Pixies, Diamanda Galás, Kurt Weill e Iggy Pop. Dati alla mano, i Blue Willa in un anno si sono conquistati una selva di prime pagine, condite da recensioni più che entusiastiche. Non resta che vederli all’opera dal vivo: questa sera alle Officine Sonore di Lamezia Terme, domani alla Birreria 34 di Taurianova e domenica sera al Grandma Bistrot di Roma.

Contenuto non disponibile


Per quanto riguarda gli stranieri, partiamo dai Glasvegas

I Glasvegas sono arrivati, tra alti e bassi, al traguardo del terzo album in cinque anni (escludendo Ep vari).

Mica male. Probabilmente, anzi, sicuramente il primo, “Glasvegas”, rimane quello più convincente, ma va detto che James Allan e compagni scozzesi si sono sempre difesi più che egregiamente sul palco, tanto da essere riusciti, col tempo, a mettere insieme un buon seguito di fan (composto principalmente da fedelissimi) che adorano letteralmente le trame sonore che i Nostri riescono ancora a imbastire. Ecco, il nostro consiglio quindi è di non farsi distrarre dalle poco allettanti prove in studio. Noi li abbiamo visti all’opera già un paio di volte, sia in interno che in esterno, e ci hanno sempre fatto una buona impressione. Questa sera di scena al New Age di Roncade (TV), domani ai Magazzini Generali. Per entrambe, ma soprattutto per quanto riguarda i Magazzini, ricordiamo la puntualità. .





Per finire, torniamo al capitolo rivelazioni. Le Deap Vally

sono un duo di Los Angeles attivo dal 2011, formato da Lindsey Troy e Julie Edwards.

Hanno un album all’attivo, “Sistrionix” che potete ascoltare qui sopra giusto per farvi un’idea. Dalle nostre parti sono già passate un paio di volte, sempre a supporto di qualcuno (tipo i Mumford & Sons), o inserite in qualche festival. Questa volta tornano da sole, come headliner, e diciamo pure che si riparte proprio da qui. Le Deap Vally, con il loro garage rock minimale alla Black Keys hanno fatto parlare molto e scrivere anche di più. C’è chi le ama (letteralmente) e chi non le sopporta proprio. Per quanto ci riguarda, il giudizio è tuttora sospeso; come sempre sarà il live a fare la differenza. Domani sera al Covo Club di Bologna: ricordiamo che l’ingresso al Covo Club è riservato ai soci. La tessera è gratuita fino a mezzanotte, poi costa tre euro. I concerti iniziano alle 22:30 e finiscono entro mezzanotte.



L’appuntamento è fissato quindi per martedì con una nuova selezione speciale firmata @Live. E se per caso non riusciste a sopportare l’attesa, nel frattempo su Rockol potete trovare news , photo gallery , ancora concert e recensioni : il tutto a portata di click.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.