I piani di Vivendi: Bolloré presidente, scorporo di SFR (telefonia)

I piani di Vivendi: Bolloré presidente, scorporo di SFR (telefonia)

Da una parte la società di telecomunicazioni SFR, dall'altra il core business sul terreno dei media che include la casa discografica Universal Music. Il gruppo francese Vivendi (che a ottobre, attraverso un'operazione di management buyout, aveva ceduto la propeirtà della casa di videogiochi Activision Blizzard) ha confermato la decisione di effettuare un "demerger" tra i suoi due settori di attività, spiegando che in questo modo "mira a diventare un gruppo mediatico internazionale, assemblando brand di grande importanza nella produzione e distribuzione di contenuti originali". In tale modo la holding francese ritiene di poter "rispondere in modo adeguato alle nuove modalità di consumo dei media digitali nel campo della musica e del video, e potrà perseguire il suo sviluppo nei mercati a rapida crescita".

Lo scorporo, aggiungono i portavoce di Vivendi, "offrirà inoltre a SFR una maggiore autonomia strategica per afferrare opportunità in un mercato in trasformazione, che si riflette nel numero crescente di servizi e nell'accesso alla banda larga ad alta velocità in un contesto caratterizzato da un enorme incremento degli utilizzi".

Dopo il "demerger", ha anticipato la società, l'azionista Vincent Bolloré (titolare del 5 per cento delle quote sociali) sarà nominato presidente di Vivendi mentre Arnaud de Puyfontaine (attuale ad del gruppo Hearst Magazines nel Regno Unito nonché executive vice president della divisione internazionale dello stesso gruppo editoriale) assumerà l'incarico di vice presidente per il settore media e contenuti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.