NEWS   |   Press Kit / 09/07/2003

Comunicato Stampa: 'Cuneo città di pace e cultura', prima edizione

Comunicato Stampa: 'Cuneo città di pace e cultura', prima edizione
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

CUNEO CITTA'
DI PACE E DI CULTURA

I EDIZIONE

SABATO 26 LUGLIO
PIAZZA GALIMBERTI CUNEO

L’evento
E’ la prima volta che Cuneo affida la propria immagine alla musica ‘moderna’, mettendo a disposizione il ‘salotto buono’ di Piazza Galimberti.
E’ il segno di volere essere città giovane e dinamica ,aperta al nuovo.
L’arrivo della tanto attesa bretella autostradale e il potenziamento della sede Universitaria cambiano profondamente l’assetto della città e di conseguenza la sua vocazione.
Le barriere cadono e gli ‘assedi ‘ sono un pallido ricordo: la Cuneo del nuovo millennio è mitteleuropea.

Il linguaggio universale per eccellenza è la musica e con essa Cuneo parla di sé.
Nel nostro amato-odiato isolamento abbiamo coltivato valori di cui siamo orgogliosi, con questo evento li mettiamo infine in mostra.
‘Cuneo città di pace e di cultura’, così abbiamo chiamato il Festival, vuole ricordare il 26 Luglio di sessant’anni fa quando Duccio Galimberti, dal balcone di casa sua, pronunciava un discorso profetico: ‘la guerra continua contro i fascisti e i tedeschi’ .

Da quella esperienza tragica ,la gente di Cuneo ha imparato come segno indelebile sulla sua pelle ed insegnato ai suoi figli che la parola guerra è da cancellare per sempre.
Cuneo vuole quindi sottolineare la sua vocazione ‘pacifica’. Pace, oltre al ripudio delle armi, significa solidarietà, tolleranza, multiculturalità, rispetto per le diversità.
Pace è anche la parola che riassume il lavoro di molte associazioni di volontariato che hanno grande tradizione nella nostra città. Abbiamo scelto di aiutare, con parte dell’incasso, l’ultimo più evoluto progetto per la costruzione di un centro di formazione (il Centro di formazione Milton Santos-Lorenzo Milani).

Come testimonial di quanto sopra detto ci è parsa obbligata la scelta artistica di Patti Smith. Il concerto sarà aperto da una cantante italiana, Cristina Donà, che percorre artisticamente strade molto vicine alla poetessa di Chicago.
Ma il concerto del 26 Luglio vuole testimoniare come Cuneo può essere culla di alte professionalità. L’esperienza artistica dei Marlene Kuntz ne è un esempio. I Marlene sono musicisti che vivono e compongono i loro brani a Cuneo, molto stimati dalla critica e dal pubblico per i testi mai banali, considerati dai più letteratura contemporanea.
In ultimo, anche un po’ immodestamente, per la prima edizione di “Cuneo città di pace e di cultura” il riconoscimento alla professionalità della Zabum Uno e dell’Associazione Nuvolari che da quasi quindici anni operano nel difficile settore della cultura giovanile.