USA, parte la contro-campagna per il free sharing

La Electronic Frontier Foundation, movimento d'opinione USA che si batte per la libera espressione su Internet e sui media elettronici, reagisce ai blitz antipirateria “casa per casa” annunciati dall'industria discografica americana (vedi News): l'ente sta organizzando una campagna pubblicitaria e di sensibilizzazione battezzata “Let the music play” (“Lasciate suonare la musica”), i cui messaggi appariranno prossimamente sulle pagine di riviste musicali (come Spin) e di computer.
L''EFF, che ha recentemente fiancheggiato aziende come Verizon e Streamcast Networks (Morpheus) nelle battaglie giudiziarie ingaggiate con l'associazione dei discografici, Recording Industry Association of America (vedi News), è preoccupata della piega “antiliberale” che la lotta alla pirateria musicale sta prendendo da quando le case discografiche minacciano intrusioni nella privacy dei cittadini americani colpevoli di scaricare e scambiarsi musica su Internet, e sostiene che industria e forze politiche stanno sbagliando bersaglio. Sul suo sito, l'organizzazione ricorda alcuni modi possibili per recuperare introiti economici ai detentori dei copyright (spartizione delle entrate pubblicitarie, tariffe sull'uso delle reti a banda larga, servizi in abbonamento, micropagamenti ecc.) e segnala una lunga lista di artisti (Ani Di Franco, David Bowie, Alanis Morissette, Beastie Boys, Green Day, Pearl Jam, R.E.M., Sonic Youth e molti altri) che traggono regolarmente vantaggio dalle opportunità della musica on-line accettando un compromesso di fatto con i file sharers. L'obiettivo della EFF è, a questo punto, quello di cambiare la legge sul copyright in senso “garantista” per i produttori di tecnologia e i privati cittadini che usano i sistemi p2p. “La legge attuale”, sostiene un proclama pubblicato sul suo sito, “fa delle aziende tecnologiche e degli amanti della musica dei criminali. Ma solo negli Stati Uniti ci sono più di 60 milioni di persone che usano il file sharing, più di quante abbiano votato il nostro attuale presidente. I politici farebbero meglio ad ascoltare loro, piuttosto che la lobby dei discografici”.
Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.