Sean Glass (Win Music): 'La musica in mano alle tech company. Io mi preparo'

Sean Glass (Win Music): 'La musica in mano alle tech company. Io mi preparo'

Sta facendo molto parlare di sé, negli Stati Uniti, la neonata etichetta di Sean Glass, figlio ventinovenne di quel Daniel Glass che con la sua Glassnote ha portato al successo in America gruppi europei come Mumford & Sons e Phoenix. Il New York Times gli ha dedicato di recente un approfondito profilo e la sua label, Win Music,  è considerata la prima vera impresa genuinamente "tech-friendly" del music business, attenta a ogni evoluzione del Web e del digitale e abile nello sfruttamento dei social network. Grazie anche alla sua attività di dj alla moda molto richiesto nei party più esclusivi della Grande Mela e non solo, l'eccentrico Glass jr. ha sviluppato una fitta rete di contatti con il mondo delle start up newyorkesi e californiane ("La maggior parte della gente che lavora nel mondo della musica non ha rapporti con la tecnologia ma Sean è diverso", ha raccontato al New York Times il fondatore del sito di pubblicità e donazioni online Bre.ad Alan Chan. "A lui piace, e capisce bene il nostro mondo"). "Il motivo per cui mi sono interessato di tecnologia", ha spiegato Glass allo stesso quotidiano, "sta nel fatto che a un certo punto essa prenderà possesso del music business. Tutto quel che sto facendo è prepararmi per l'apocalisse". "Io il music business lo odio", ha aggiunto. "La gente non ha idea di cosa stia succedendo, di cosa stia per arrivare. Non puoi più essere una semplice etichetta. Quel che conta è quello che fai".

Dotata di uno staff minuscolo e gestita dall'appartamento in cui Glass vive nell'East Side di Manhattan, in soli sei mesi di vita la Win Music è comunque già riuscita a smuovere le acque con le sue prime produzioni: la scorsa primavera il singolo "Need u (100 %)" di Duke Dumont ha raggiunto la vetta della classifica inglese. I programmi per l'anno prossimo prevedono invece la pubblicazione di almeno due dischi al mese.

"Quando vado a qualche meeting nessuno vuole più parlare di quel che faccio io: vogliono parlare di Sean", ha spiegato papà Daniel al New York Times. "Il mondo tecnologico, oggi, è molto più rock'n'roll di ogni altra cosa ci sia in giro. Quel che una volta era un'etichetta indipendente cool come la Island o la Chrysalis oggi è una start up. Berry Gordy (il fondatore della Motown) è diventato David Karp" (l'ad di Tumblr).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.