UK, 50 milioni di richieste di rimozione di file illegali a Google dalla BPI

UK, 50 milioni di richieste di rimozione di file illegali a Google dalla BPI

Ancora più dell'americana RIAA, l'associazione dei discografici britannici BPI sembra aver preso sul serio l'impegno a contrastare sistematicamente la proliferazione in rete di musica "piratata": tanto che venerdì scorso, 15 novembre, ha infranto la barriera dei 50 milioni di richieste di rimozione dal motore di ricerca di Google di link a siti e contenuti illegali. Il numero record è stato raggiunto in meno di due anni e mezzo, dal momento che la prima azione era avvenuta nel giugno del 2011. Ma, secondo la stessa British Phonographic Industry, non ha affatto risolto il problema: "BPI", spiega una nota emessa dall'associazione, "ha passato in rassegna a cominciare dal 3 novembre 2013 i risultati di Google alla ricerca di download in formato mp3 degli album e dei singoli Top 20 delle classifiche ufficiali. Questa indagine ha rivelato che in media il 77 % dei risultati di ricerca per i singoli e il 64 % per gli album, tra quelli che compaiono nella prima pagina, indirizzano a siti illegali".

"Google", accusa il presidente BPI Geoff Taylor, "porta i consumatori in un oscuro abisso di siti non autorizzati dove gli stessi possono infrangere la legge o scaricare malware o contenuti inappropriati, dal momento che in modo persistente classifica tali siti al di sopra di servizi legali e fidati ogni volta che essi cercano musica di scaricare". La società di Mountain View, sostiene Taylor, "sa bene, sulla base dei milioni di notifiche e delle sentenze di tribunale, quali siti siano illegali. E tuttavia chiude un occhio di fronte a tali informazioni scegliendo di continuare a indirizzare traffico e ricavi verso il mercato nero online, piuttosto che verso i rivenditori legali. E' arrivato il momento che Google sia tenuto agli stessi standard di comportamento di chiunque altro. Dispone di un potere enorme, come guardiano e porta di ingresso a Internet. E se non accetta di comportarsi eticamente e responsabilmente, è ora che il governo e le autorità di garanzia e controllo del mercato prendano dei provvedimenti".

Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.