Anche Beck contro Spotify: 'E' un modello che non funziona'

Anche Beck contro Spotify: 'E' un modello che non funziona'

Inizia a farsi lunga - e ricca di personaggi di spicco, sebbene voci a favore altrettanto illustri non manchino - la lista di (se non proprio nemici) non entusiasti sostenitori di Spotify: l'ultimo, in ordine di tempo, è Beck, che nel corso di un'intervista al sito argentino Pagina12, dopo aver rivelato di aver sofferto gravi problemi di salute ("Mi sono gravemente ferito alla spina dorsale: adesso fortunatamente sto meglio e sono riuscito a tornare a fare musica. E' stata una convalescenza molto lunga. Ultimamente mi sono concentrato sulla chitarra: non crediate che sul palco possa muovermi come prima, però - credetemi - potrò ancora dare molto"), il cantautore californiano ha illustrato quali siano le sue perplessità in merito ai servizi di streaming.

"Dicono che i servizi di streaming prenderanno sempre più piede, che piacciano o meno. Io, però, vorrei porre l'attenzione su quanto siano sostenibili per chi fa il lavoro che faccio io, perché quello che Spotify mi corrisponde per i miei brani che trasmette non mi basta a pagare i musicisti e i tecnici che lavorano ai miei dischi", ha spiegato l'artista: "E' un modello che non funziona. E credo che la cosa più triste di fruire la musica in questo modo sia la qualità di riproduzione proposta. E' come guardare un film sul telefonino: ecco cosa ascolta oggi la gente. C'è ancora un margine di miglioramento enorme per gli standard digitali di riproduzione musicale, e so che Neil Young sta lavorando ad un progetto (Pono, ndr) in questo senso. La gente potrebbe tornare a riinnamorarsi della musica, nel caso la sua scommessa dovesse rivelarsi vincente".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
26 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.