Dalla chitarra alla bottiglia: debutta la linea di vini della Fender

Marchio arcinoto per quanto riguarda gli strumenti elettrici a corde (a parte la leggendaria Stratocaster consegnata alla leggenda da Jimi Hendrix impossibile non ricordare, per quanto riguarda le sei corde, la Telecaster, la Jaguar e la Jazzmaster, o i Precision e il Jazz per i bassi), la Fender Musical Instruments con base a Scottsdale, Arizona, fino ad oggi si era cimentata con successo anche nella produzione di amplificatori (lo storico Bassman, prodotto in epoca pre-CBS, ovvero prima che la società venisse acquista dal colosso fondato da William Paley, ma anche il diffusissimo Twin Reverb) e di pianoforti elettrici (il Rhodes, prodotto in collaborazione con Harold Rhodes a partire dal 1965), senza mai avventurarsi fuori dal proprio ambito storico: la regola - mai violata dall'anno di fondazione della società, il 1938 - è stata però infranta qualche giorno fa, quando i responsabili di comunicazione della casa hanno annunciato il debutto sul mercato della prima linea di vini recanti il marchio Fender.

Prodotta in collaborazione con la californiana Armida Winery, la gamma è composta da uno Strat Cabernet Sauvignon, un Telecaster Thinline (dal nome della semi-hollow body della linea di chitarre) Pinot Nero, un Jazzmaster Chardonnay e - top dell'offerta - un Telecaster Zinfandel da 500 dollari la bottiglia.

Per promuovere i prodotti - presentati dall'azienda come "un'altra estensione del brand volta al lifestyle che permetta a musicisti e amatori di sperimentare la passione e la qualità che caratterizzano il marchio" - è stato aperto un apposito sito raggiungibile a questo indirizzo.

    Marchio arcinoto per quanto riguarda gli strumenti elettrici a corde (a parte la leggendaria Stratocaster consegnata alla leggenda da Jimi Hendrix impossibile non ricordare, per quanto riguarda le sei corde, la Telecaster, la Jaguar e la Jazzmaster, o i Precision e il Jazz per i bassi), la Fender Musical Instruments con base a Scottsdale, Arizona, fino ad oggi si era cimentata con successo anche nella produzione di amplificatori (lo storico Bassman, prodotto in epoca pre-CBS, ovvero prima che la società venisse acquista dal colosso fondato da William Paley, ma anche il diffusissimo Twin Reverb) e di pianoforti elettrici (il Rhodes, prodotto in collaborazione con Harold Rhodes a partire dal 1965), senza mai avventurarsi fuori dal proprio ambito storico: la regola - mai violata dall'anno di fondazione della società, il 1938 - è stata però infranta qualche giorno fa, quando i responsabili di comunicazione della casa hanno annunciato il debutto sul mercato della prima linea di vini recanti il marchio Fender.

    Prodotta in collaborazione con la californiana Armida Winery, la gamma è composta da uno Strat Cabernet Sauvignon, un Telecaster Thinline (dal nome della semi-hollow body della linea di chitarre) Pinot Nero, un Jazzmaster Chardonnay e - top dell'offerta - un Telecaster Zinfandel da 500 dollari la bottiglia.

    Per promuovere i prodotti - presentati dall'azienda come "un'altra estensione del brand volta al lifestyle che permetta a musicisti e amatori di sperimentare la passione e la qualità che caratterizzano il marchio" - è stato aperto un apposito sito raggiungibile a questo indirizzo.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.