Musica on-line, primi problemi per Apple: qualche artista non è contento

Musica on-line, primi problemi per Apple: qualche artista non è contento
Top manager dell'industria come Howard Stringer (capo supremo di Sony negli Stati Uniti) e Zach Horowitz (Universal) hanno pubblicamente tessuto le lodi della Apple, scorgendo nel successo del suo iTunes Music Store un agognato segnale di ripresa del mercato discografico (vedi News). Ma non tutti sarebbero contenti del modo in cui Steve Jobs, boss dell'azienda di Cupertino, sta gestendo l'emergente business. Dagli Usa arriva infatti la notizia che diversi manager stanno bloccando le licenze d'uso sul repertorio degli artisti che rappresentano: i loro assistiti non sarebbero contenti di vedere i loro album, concepiti come progetti omogenei, acquistati a pezzetti, canzone per canzone, dai clienti del sito. A questa motivazione se ne aggiungerebbe un'altra di ordine economico: alcuni musicisti non ritengono equa l'attuale ripartizione degli introiti stabilita dalla Apple, che su ogni operazione di vendita intasca il 40 % versando un'identica quota alla casa discografica e una royalty del 20 % agli artisti (il contratto sottoposto dalla società è univoco, standard e non negoziabile). La querelle non riguarda naturalmente le cifre, ancora irrisorie, che Apple ha raccolto finora, ma i fatturati che potrebbe generare in futuro, una volta superato lo stadio sperimentale ed entrato nella fase di funzionamento a regime. A proposito del quale c'è già chi comincia a porsi qualche interrogativo: come reagirà lo staff di Jobs ad una probabile moltiplicazione per dieci del volume di lavoro quando, a fine anno, il servizio sarà disponibile anche in versione Windows?
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.