USA, ottimismo nell'industria: 'In due anni il mercato si riprenderà'

USA, ottimismo nell'industria: 'In due anni il mercato si riprenderà'
Torna il sereno sul mercato discografico? A dare ascolto ai bollettini diramati da esperti e istituti di ricerca (che danno generalmente il termometro in discesa per almeno altri 3-4 anni) non si direbbe. Eppure alcuni pesi massimi dell’industria, per sincera convinzione o magari per tenere alto il morale delle truppe, cominciano, almeno in pubblico, a vederla diversamente. Tra questi c’è Howard Stringer, capo supremo della Sony Corporation in America (dunque non un discografico, ma un uomo che controlla l’intero business della multinazionale): per lui, come ha annunciato ai media nei giorni scorsi, il successo iniziale del negozio virtuale iTunes Music Store della Apple Computer rappresenta un “cambio epocale” e “una sveglia” per tutto il settore. “Steve Jobs (il capo della Apple) ci ha sciolto le briglie”, ha detto Stringer ai giornalisti che lo ascoltavano in un’aula dell’università di Syracuse, prima di lanciarsi in una predizione: il music business si risolleverà nell’arco di due anni, anche se non basterà l’iniziativa della Apple a sconfiggere la pirateria on-line. La ricetta del numero uno della Sony ha come ingredienti fondamentali un abbassamento generale dei prezzi dei CD e un assortimento più ampio di musica scaricabile da Internet, ma anche un giro di vite nelle aule giudiziarie, con iniziative mirate contro i singoli privati che propugnano il file sharing selvaggio (e l’associazione dei discografici RIAA ha già annunciato una nuova offensiva proprio in questo campo, vedi News): insomma, il bastone e la carota.
Cautamente ottimista è anche Zach Horowitz, presidente e amministratore delegato di Universal. “Ci sono diversi segnali di una svolta imminente”, ha detto il discografico americano, lodando a sua volta l’iniziativa della Apple. “Ci aspettano, credo, due o tre anni di transizione: dopo di che il potenziale di Internet esploderà e potremo tornare a produrre fatturati che non vedevano ormai da diversi anni”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.