Il 'business development' di BMG: si comincia con '9' di Ramazzotti

Il 'business development' di BMG: si comincia con '9' di Ramazzotti
Con il programma di “digital extension” messo in atto per “9”, l'album di Eros Ramazzotti da un paio di settimane nei negozi, entra nel vivo anche il nuovo ruolo di “business development” che la BMG Ricordi, per volere del suo presidente Adrian Berwick, ha affidato da circa tre mesi ad Andrea Rosi (ex CGD, PolyGram, Universal e Vitaminic, vedi News).
Il compito di Rosi, come lui stesso ha ribadito a Rockol, è di “creare flussi addizionali di ricavi, a vantaggio sia dell'azienda che degli artisti che ha sotto contratto”: un ruolo che, per ora, non ha riscontri nel resto del panorama discografico italiano (e ben pochi, per quanto ne sappiamo, anche all'estero). Con l'occasione dell'uscita del nuovo album di Ramazzotti, artista di punta del roster locale e internazionale dell'etichetta, Rosi e BMG hanno puntato sul segmento di mercato “alternativo” più sicuro e florido del momento, quello legato ai cellulari e ai servizi di messaggeria telefonica (recenti indagini indicano in 35 milioni le Sim card attive in Italia nel mercato “consumer”): allestendo un servizio che, grazie alla collaborazione esclusiva, sul piano progettuale e realizzativo, di Buongiorno SpA (società collegata a Vitaminic che opera appunto nel campo dei servizi interattivi per i cellulari e il “mobile”), coinvolge i maggiori operatori di telefonia mobile in Italia, Tim, Vodafone e Wind. L'operazione, concordata ovviamente con l'artista e con il suo management, consente ai possessori di cellulari di accedere ad un pacchetto di servizi legati ai contenuti del disco appena uscito, inviando un sms ad un numero breve (48467) messo a disposizione dagli operatori stessi: i fan possono dunque scaricare suonerie monofoniche, scegliendo tra le 13 canzoni contenute nell'album “9” (il costo è quello standard degli sms premium, un euro circa); votare le canzoni preferite e consultare le charts di gradimento del pubblico (con la possibilità aggiuntiva di partecipare a concorsi a premi); ricevere news, aggiornamenti, informazioni sulle date dei concerti ed altro al costo di circa 30 centesimi a messaggio (le tariffe dei vari servizi variano a seconda del gestore). “Il tutto”, spiega Rosi, “con l'obiettivo di consolidare le relazioni e il rapporto interattivo tra fans e artista. E di permettere a quest'ultimo, e alla casa discografica, di originare ricavi incrementali: è la prima volta, per esempio, che entriamo direttamente in un'area come quella delle suonerie per cellulari, che fino ad oggi è stata tradizionalmente una terra di tutti e di nessuno”. Il servizio verrà promosso con campagne pubblicitarie sui media offline e online, via e-mail e con iniziative di direct marketing: “Non abbiamo fatto in tempo, questa volta, ad utilizzare il veicolo più immediato per raggiungere i fan, il CD: ma in futuro la nostra comunicazione partirà da lì”, aggiunge Rosi.
L'appendice “digitale” e telefonica all'uscita di “9” è solo il primo passo verso un complesso di iniziative che coinvolgeranno in futuro anche altri artisti del roster BMG Ricordi. “Si tratta di questioni complesse”, ammette Rosi, “perché nessun contratto discografico tradizionale prevede opzioni di questo genere e gli accordi vanno stipulati ex novo. Ma gli artisti e i loro manager stanno dimostrando molto interesse: con Radiorama e Ramazzotti, per esempio, abbiamo collaborato anche alla progettazione del nuovo sito Web ufficiale dell'artista, che sarà in linea tra poco”. Imminente anche il lancio da parte di BMG di una piattaforma di e-commerce per la vendita on-line di merchandising ufficiale sui siti di diversi artisti BMG. “Ma ci sono molte altre idee che è possibile sviluppare, per valorizzare i nostri asset aziendali”, aggiunge Rosi: “Penso alle licenze per lo streaming on-demand di videoclip, un progetto a cui stiamo già collaborando con tj net (altra azienda del gruppo Bertelsmann); ai contenuti per i telefonini di nuova generazione, come le suonerie originali (da master recording) per cui abbiamo un accordo in essere con la francese Musiwave; alle licenze audio e video per il digital download e per i chioschi on-line: stiamo completando la digitalizzazione e l'encoding del nostro catalogo locale di base, diverse migliaia di brani, e tra settembre e ottobre dovremmo essere pronti a fornire il repertorio ad una molteplicità di piattaforme di distribuzione digitale. Il nostro sta diventando un lavoro più complesso, che implica di considerare una molteplicità di canali per il prodotto discografico e musicale: a fine anno, dopo questi primi mesi di apprendistato, saremo anche in grado di valutare quale potrà essere il nostro apporto al fatturato BMG nel 2004”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.