Lou Reed, un ricordo e l'ultima videointervista di Rockol

Lou Reed, un ricordo e l'ultima videointervista di Rockol

L’ultima volta che l'ho incontrato è stato due anni fa, l'8 luglio del 2011: Lou Reed passò da Milano durante il suo tour italiano e decise di incontrare la stampa. 69 anni, faccia segnata, andatura traballante. Stronzo come sempre, con i giornalisti, anche se con me fu singolarmente gentile, acconsentendo a far filmare l'intervista senza problemi (un collega, invece, venne tirato scemo a suon di "aumenta la saturazione" e "virala in bianco e nero", per il solo gusto di rompere le scatole). Acconsentì persino a farsi fare una foto a fine intervista, bevendo un bicchiere di caffé freddo - l'ennesimo della giornata. Rispose a monosillabi (o poco di più, diciamo). La chiacchierata fu concentrata principalmente sul giro di concerti italiano, denominato "Power rock tour", con accenni alla musica digitale (era un appassionato di tecnologia e gadget, tanto da avere fatto da solo un'app che aumentava i caratteri dell'iPhone, Lou's Zoom) e al futuro disco con i Metallica, che sarebbe uscito dopo qualche mese - e che sarebbe rimasta l'ultima prova di studio. Un peccato, perché sarebbe stato una delle cose peggiori della sua carriera. Ma ormai era invecchiato, e tanto. I suoi anni valevano il triplo ("My week beats your year", scrisse nelle note di copertina di "Metal machine music") e li sentiva tutti. Il concerto, poi, fu traballante come la sua andatura:  brani dei Velvet Underground ("Femme fatale", "Venus in furs", "Pale blue eyes", "Sunday morning"), brani quasi dimenticati dal repertorio solista come "The bells" e "All through the night", momenti di jam session diretti con brevi e precisi cenni e momenti in cui sembrava non reggersi sulle gambe. 



Caricamento video in corso Link


La fama di “mangia-giornalisti” era ampiamente meritata: lo ricordo ad un concerto al Vittoriale, in cui mandò a quel paese (con ben altre parole) un reporter in prima fila che aveva il computer sulle ginocchia e stava scrivendo il pezzo, minacciando di interrompere il concerto. O una trasmissione di MTV in cui gelò il conduttore (Enrico Silvestrin), che preso dall'entusiasmo di avere di fronte un mito, si era lasciato prendere la mano: "So, what's the question?".
Se li poteva permettere, questi atteggiamenti, dall’alto della sua statura artistica. Se c’è uno per cui la parola “mito” non è fuori luogo, è proprio Lou Reed: uno che ci ha insegnato cosa vuol dire “rock”, cosa significa “trasgressione”. Il primo disco dei Velvet Underground rimane uno dei più grandi album di tutti i tempi, capace di unire - come la pop art del suo mentore Andy Warhol - l’alto al basso, le esperienze estreme e la melodia pop. E anche quando continuò da solo, raccontò un mondo che era l’immaginario del rock, con una forza lirica e musicale senza pari. Non aveva bisogno della stampa, spesso non aveva bisogno neanche del pubblico - faceva solo quello che voleva, come voleva. Sbagliava, e tanto: la sua discografia e la sua carriera hanno cadute di stile enormi, soprattutto negli anni ’80; solo alla fine del decennio, con “New York”, tornò a produrre musica degna del suo nome, riunendosi brevemente con John Cale poco dopo (“Songs for Drella”, dedicato ad Andy Warhol), e inanellando una serie di album ottimi che lo hanno portato fino al nuovo millennio, tra cui “Magic & loss”, dedicato proprio al tema della morte. Negli ultimi anni ha suonato tanto, spesso in Italia, e prodotto poco - l’ultimo incisione di rilievo è il concept-album “The Raven”, di 10 anni fa.
Ora, in questi giorni, lo ricorderanno per e con “Walk on the wild side” (che peraltro concesse pure - sacrilegio - per lo spot di un motorino: “Non accontentatevi di camminare”) o “Perfect day”, soprattutto in questa era di “social mourning” su Facebook e Twitter, si ricorre sempre alle canzoni più famose, alle più ovvie. Ma nulla renderà giustizia alla grandezza di un Artista - uno dei pochi per cui la parola non è abusata, nella musica. Nessuna parola sarà mai abbastanza, né per raccontare la sua vita, né per raccontare la sua morte. Forse una sola: grazie, Lou.

(Gianni Sibilla)
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.