Usa, costa 2 milioni di $ all'anno il sistema antipirateria online

Costa due milioni di dollari all'anno, ripartiti tra l'associazione dei discografici Recording Industry Association of America (RIAA), quella delle case cinematografiche Motion Picture Association of America (MPAA) e i cinque maggiori Internet Service Provider del Paese, la gestione e il mantenimento del Center of Copyright Information, l'organismo statunitense preposto all'opera di prevenzione e repressione delle violazioni del copyright con un modello di "risposta graduale" articolato in sei fasi e meno duro di quello adottato in Francia con la legge Hadopi. La CCI non ha mai rivelato le cifre che tuttavia, scrive il sito TorrentFreak, sono desumibili dai documenti pubblici diffusi dall'agenzia delle entrate e che specificano anche le spese sostenute per valersi dei servizi di società di PR e di consulenza.

L'ente no profit è stato creato due anni fa, nel settembre del 2011, ma è entrato nella fase operativa nel febbraio di quest'anno con uno schema che prevede nei confronti dei trasgressori di legge recidivi l'invio di diffide e di "misure di attenuazione" (iscrizione obbligazione a un programma educativo online, ed eventualmente riduzione temporanea della velocità di connessione a Internet e della funzionalità del servizio mentre non sono previste interruzioni definitive o pene detentive); vi hanno aderito i provider Comcast, AT&T, Cablevision, Time Warner e Verizon.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.