New York, chiude la Roseland Ballroom

New York, chiude la Roseland Ballroom

Uno dei locali storici della scena musicale newyorchese, la Roseland Ballroom, chiuderà ad aprile: lo rivela Billboard, sulla base di una email "interna". Il locale si trova sulla 52sima strada ed è attualmente di proprietà di Larry Ginsberg, mentrre il booking è a cura Live Nation. La sede attuale è addirittura del 1958, ma il nome risale al 1919, quando il locale si trovava tra la 51sima e Broadway. La Ballroom, dalla capienza di 3500 persone, è stato rinnovata ad inizio degli anni '90 e diventò un posto perfetto per band la cui fama era in crescita e che volevano attirare l'attenzione esaurendo posti di medio calibro prima di fare il salto verso i palazzetti, o per nomi di fama che volevano esibirsi in un posto più ristretto. Negli anni, si sono esibiti al Roseland Ballroom i Red Hot Chili Peppers, i Nirvana, ma anche Rolling Stones, Madonna e Radiohead.
Oggi il mercato newyorchese, nota Billboard, è molto affollato in quella fascia di capienza, con il Best Buy Theater, l'Hammerstein Ballroom, il Terminal 5 e il Beacon Theatre. La chiusura non è ancora stata annunciata ufficialmente e nomi come Danzig e  Panic! At the Disco hanno concerti fissati. Ma, sempre secondo Billboard, è probabile che nomi di grande calibro si prestino volentieri a salutare la chiusura del locale con concerti d'addio.

    Uno dei locali storici della scena musicale newyorchese, la Roseland Ballroom, chiuderà ad aprile: lo rivela Billboard, sulla base di una email "interna". Il locale si trova sulla 52sima strada ed è attualmente di proprietà di Larry Ginsberg, mentrre il booking è a cura Live Nation. La sede attuale è addirittura del 1958, ma il nome risale al 1919, quando il locale si trovava tra la 51sima e Broadway. La Ballroom, dalla capienza di 3500 persone, è stato rinnovata ad inizio degli anni '90 e diventò un posto perfetto per band la cui fama era in crescita e che volevano attirare l'attenzione esaurendo posti di medio calibro prima di fare il salto verso i palazzetti, o per nomi di fama che volevano esibirsi in un posto più ristretto. Negli anni, si sono esibiti al Roseland Ballroom i Red Hot Chili Peppers, i Nirvana, ma anche Rolling Stones, Madonna e Radiohead.
    Oggi il mercato newyorchese, nota Billboard, è molto affollato in quella fascia di capienza, con il Best Buy Theater, l'Hammerstein Ballroom, il Terminal 5 e il Beacon Theatre. La chiusura non è ancora stata annunciata ufficialmente e nomi come Danzig e  Panic! At the Disco hanno concerti fissati. Ma, sempre secondo Billboard, è probabile che nomi di grande calibro si prestino volentieri a salutare la chiusura del locale con concerti d'addio.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.