Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 04/06/2003

Caso Morpheus: sconfitti a LA, i discografici ci riprovano a Nashville

Caso Morpheus: sconfitti a LA, i discografici ci riprovano a Nashville
Piegate, ma non spezzate, dalla sentenza del giudice di Los Angeles che circa un mese fa (vedi News) ha assolto il titolare del servizio, Streamcast Networks, dall'accusa di corresponsabilità nella violazione dei copyright musicali, le case discografiche riportano la questione Morpheus all'attenzione dei tribunali americani. La RIAA (Recording Industry Association of America), che le rappresenta a livello nazionale, ha nuovamente citato Streamcast Networks chiamandola a giudizio presso una corte di giustizia di Nashville, città dove quest'ultima ha i suoi quartier generali e che è anche una delle capitali del music business americano. “Nel gergo legale”, ha spiegato il legale della RIAA Mark Radcliffe al Los Angeles Times,, “questo modo di procedere si chiama 'forum shopping': incassi una decisione sfavorevole da qualche parte, e ti rivolgi altrove. Nashville è un luogo dove la musica è importante, e ci sono buone probabilità di ottenere un riscontro favorevole, questa volta”.