Turismo musicale: nel Regno Unito vale più di 2 miliardi di sterline

Turismo musicale: nel Regno Unito vale più di 2 miliardi di sterline

Il turismo musicale - viaggi e spostamenti intrapresi per assistere a festival, concerti ed eventi particolari - è una voce di bilancio importante nel Regno Unito: tanto da fatturare oltre 2 miliardi di sterline nel corso del 2012 (2,2 miliardi, per la precisione), secondo uno studio realizzato per conto degli enti UK Music e VisitBritain che calcola in 1,3 miliardi l'esborso diretto mentre i restanti 900 milioni riguardano le spese accessorie. L'anno scorso i turisti "musicali" presenti nel Regno Unito nel corso del 2012, secondo la ricerca evocativamente intitolata "Wish you were here" e condotta dagli analisti di Oxford Economics sulla base dei dati forniti da promoter, gestori di sale da concerto e società di collecting di diritti, sarebbero stati sei milioni e mezzo: di questi, il 6 per cento proveniente dall'estero e con una spesa media - 657 sterline a testa - equivalente al 20 per cento del totale.

"Una spesa totale, diretta e indiretta, di 2,2 miliardi di sterline è una cifra incredibilmente impressionante, in un anno caratterizzato da non pochi problemi", ha commentato la direttrice dell'organizzazione di categoria UK Music Jo Dipple ricordando che il 2012 musicale ha sofferto l'assenza del festival di Glastonbury, un'estate climaticamente sfavorevole, le distrazioni dovute alle Olimpiadi di Londra e la perdurante crisi economica. "Il fatto che ci siano sei milioni e mezzo di turisti è un dato che colpisce ", ha aggiunto, "e il fatto che quel 6 per cento che arriva dall'estero spenda il 20 per cento del denaro è uno sprone per noi e per VisitBritain a portare più stranieri sul territorio, dal momento che sono loro a sborsare in proporzione la maggior parte del denaro".

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.