Ritorna CapaRezza: 'Il secondo album è sempre il più difficile nella vita di un artista?'

Ritorna CapaRezza: 'Il secondo album è sempre il più difficile nella vita di un artista?'
S'intitola “Il secondo secondo me” il singolo che riporta sulle scene CapaRezza. Si tratta dell'anticipazione del nuovo album, “Verità supposte”, in uscita il prossimo giugno.
Il rapper di Molfetta – nome di battesimo Michele Salvemini - aveva infatti esordito con "?!" nel 2000, album trainato dal surreale singolo “Tutto ciò che c'è”.
Rockol l'ha incontrato sul set del nuovo video, che viene girato in questi giorni a Milano con la direzione di Riccardo Struchil per la DropOut - Officina dell'Immagine.
Fra un ciak e l'altro, CapaRezza ci ha raccontato com'è nato il suo nuovo disco, il secondo per l'appunto. Il secondo album, come recita il ritornello del singolo, “è sempre il più difficile nella carriera di un artista”.
“Questa frase è vera solo in un caso”, ci spiega il rapper, “ossia quello in cui il secondo disco sia l'ultimo. Allora è difficile davvero. E comunque è solo una cavolata retorica… Anche se, nel mio caso, si è rivelata reale perché è stato difficile sul serio fare questo album… Sicuramente più difficile dell'altro!”.
E non per l'ansia da prestazione e le conseguenti pressioni che il buon successo di “?!” poteva creare in lui, come ci racconta il cantante, ma per motivazioni più tecniche: “Il primo album era molto casalingo come situazione”, dice CapaRezza, “era fatto in casa, quasi tutto con l'ausilio di campionamenti e di beat; mentre in questo nuovo, che è nato dopo l'esperienza che mi sono fatto suonando in giro con la band, mi sono avvicinato anche agli strumenti; la situazione è diventata così più complessa. Per questo ho voluto la collaborazione di Carlo U. Rossi, che è un produttore molto bravo da cui ho imparato tanto”.
Più di tutto, nell'arte come nella musica, CapaRezza teme quelli che lui chiama “i paletti”, ovvero le classificazioni di genere e di appartenenza che creano delle aspettative in chi ascolta e in chi crea e finiscono con l'incatenare e tarpare la creazione.
“Chi ha molti fan”, argomenta il rapper, “ha infatti paura di deluderli: l'aspettativa è nemica dell'arte”.
Nel nuovo video, girato in due set distinti ma adiacenti, si mette in scena proprio questa situazione: CapaRezza recita il ruolo di un artista alle prese con i problemi e le difficoltà che la creazione gli pone; chiuso in uno scantinato, il rap partorisce delle opere “sui generis” (realizzate con spaghetti al pomodoro rovesciati su di una tela, per esempio) che vengono poi ammirate dai critici, nella seconda parte del clip, in un' immacolata galleria d'arte.
“Ed è proprio in quel momento”, ci spiega il cantante, “che l'artista si rende conto del fatto che ciascuna persona vede dentro le sue opere delle cose diverse: ciascuno ha delle percezioni diverse degli oggetti. Ciascuno possiede infatti una propria verità e un proprio modo di vedere le cose: non esiste una verità assoluta. E, queste verità personali, sono le famose 'verità supposte' cantate nell'album”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
21 dic
Caparezza in concerto
Ospite di: clementino
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.