AOL Time Warner, anche Steve Case sventola bandiera bianca?

Sembra passata un'eternità (e invece sono soltanto poco più di tre anni, vedi News) da quando, in un tripudio di titoloni e di frenesia mediatica, venne annunciato il “matrimonio del secolo” tra l'internet provider America Online e il gruppo mediatico Time Warner, il connubio tra “contenitore” e “contenuti” destinato a segnare una strada maestra per la nascente società dell'informazione digitale.
Stando alle confidenze che due dirigenti “senior” dell'azienda hanno fatto al New York Times, ora persino l'artefice primo di quella fusione, Steve Case, avrebbe cominciato ad ammettere privatamente che la vendita di AOL può rappresentare, a questo punto, una scelta logica per Time Warner. Se così fosse (Case non conferma), si tratterebbe di una clamorosa marcia indietro rispetto al tenore delle sue dichiarazioni pubbliche precedenti, tutte improntate ad una strenua difesa del progetto da lui architettato. America Online, nelle intenzioni di Case e dei dirigenti di Time Warner, avrebbe dovuto diventare il motore trainante del nuovo complesso societario, ma ha invece cominciato a perdere progressivamente colpi in seguito alla flessione delle inserzioni pubblicitarie e al calo di domanda per le sue offerte di connessione a Internet, risultando la principale responsabile del suo flop in Borsa (vedi News).
Non è detto che le parole di Case, se effettivamente pronunciate, significhino un segnale preciso circa gli orientamenti del management aziendale, ora che l'ex presidente di AOL Time Warnr è in pratica estromesso dalla stanza dei bottoni. Abbinate alle voci che danno per probabile un “merger” della casa discografica Warner Music con una delle sue concorrenti (la principale candidata è BMG, vedi News), le sue dichiarazioni alimentano comunque il clima di incertezza che aleggia sul futuro dell'enorme conglomerato industriale.
Dall'archivio di Rockol - Album italiani: le copertine più belle di sempre
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.